Rubriche e analisi Indici Europa, i settori più forti e più deboli nell’ultima settimana

Indici Europa, i settori più forti e più deboli nell’ultima settimana

16 Aprile 2024 16:59

Vediamo rispetto alla scorsa settimana quali sono gli indici settoriali europei che hanno confermato la propria forza e quali invece hanno rallentato o invertito la tendenza. Per farlo, utilizziamo il Relative Rotation Graph (RRG), uno strumento basato su metodi e algoritmi sviluppati da Julius de Kempenaer.

Cos’è la rotazione settoriale degli indici e come si rappresenta

La rotazione settoriale rappresenta la variazione dell’allocazione di capitale, da parte degli investitori, tra i diversi settori a seconda della fase economica in atto. Per analizzare questo fenomeno si può utilizzare il Relative Rotation Graph (RRG), un grafico suddiviso in quattro quadranti che rappresenta le tendenze di forza relativa e di momentum dei vari comparti azionari rispetto ad un benchmark, in un determinato orizzonte temporale.

Più nel dettaglio, l’RRG utilizza quattro quadranti per definire le quattro fasi di una tendenza relativa: “indebolimento”, “in ribasso”, “miglioramento” e “in rialzo”. Il vero potere di questo strumento risiede proprio nella sua capacità di tracciare le performance relative su un unico grafico complessivo ed evidenziare le rotazioni settoriali, ovvero i graduali passaggi degli indici di settore da un quadrante ad un altro.

L’andamento degli indici settoriali nella settimana ad oggi

In questo caso abbiamo analizzato l’andamento degli indici di settore europei prendendo come benchmark di riferimento lo Stoxx Europe 600 e come orizzonte temporale quattro settimane (a ritroso a partire da oggi).

rotazione indici europei - relative rotation graph

I settori in rialzo

Il quadrante “in rialzo” racchiude i settori che hanno sovraperformato l’indice di riferimento nel periodo in esame, con una velocità di movimento superiore.

Qui troviamo Automotive, Banche, Cura della Persona, Industria e Assicurazioni, che però hanno forza relativa e momentum simili a quelli del benchmark. Anche il Retail guadagna ulteriormente velocità e passa a sovraperformare l’indice, collocandosi nel blocco “in rialzo”.

Gli indici settoriali in fase di transizione

Il riquadro sottostante (“indebolimento”), include i comparti con forza relativa ancora superiore al benchmark ma un momentum inferiore. Qui scivolano Viaggi e Tempo Libero, raggiungendo Tecnologia, Servizi Finanziari, Edilizia e Media. 

Nel quadrante “miglioramento”, quello dei settori con velocità di movimento superiore al benchmark ma meno forza relativa, si trovano o Chimici e l’Energia, che ha fortemente accelerato nelle ultime settimane complice il rialzo del petrolio in scia alle tensioni geopolitiche.

L’Healthcare si colloca al limite tra questo blocco e quello inferiore.

I settori peggiori

Folta la schiera di settori “in ribasso”, caratterizzati cioè da forza relativa e momentum inferiori all’indice di riferimento. Questi settori quindi sottoperformano il benchmark nel periodo in esame e mostrano una velocità di movimento inferiore ad esso.

Tra di essi si trovano Real Estate, Telecomunicazioni, Utilities, Materie Prime, Beni di Consumo e Food & Beverage.

Sono perlopiù comparti anticiclici, più difensivi del mercato, che quindi performano peggio in fasi di propensione al rischio. Su alcuni settori con elevata componente di indebitamento, come i servizi pubblici, pesa anche la prospettiva di minori tagli dei tassi rispetto alle scommesse di forte allentamento di qualche settimana fa.

Come interpretare più dettagliatamente il Relative Rotation Graph

Per leggere correttamente l’RRG bisogna comprendere a pieno il significato dei due principali input sottostanti allo strumento: JdK RS-Ratio and JdK RS-Momentum. Il JdK RS-Ratio, presente sull’asse orizzontale, è di fatto un indicatore di forza relativa e ci dice se l’indice settoriale in questione, per esempio lo STOXX Europe 600 Banks, sta sovraperformando o sottoperformando il benchmark, in questo caso lo STOXX Europe 600. Un JdK RS-Ratio pari a 100 di fatto implica un movimento del settore sovrascrivibile a quello del benchmark, dunque a poco valore aggiunto. Un JdK RS-Ratio superiore a 100 implica maggiore forza relativa, mentre inferiore a 100 minor forza relativa.

Il JdK RS-Momentum invece è un indicatore di momentum e ci dice con che velocità avviene tale movimento di sovra o sottoperformance del settore sul benchmark. Anche in questo caso JdK RS-Momentum pari a 100 ci dice che il settore ha sviluppato una forza del trend pari a quella del benchmark. Un JdK RS-Momentum inferiore a 100 indica un movimento meno direzionale (veloce), mentre se è superiore a 100 è il contrario.

Pertanto, il Relative Rotation Graph genera quattro quadranti. I titoli più in forza si trovano in alto a destra (quadrante “In rialzo”) e sono i settori leader in quella congiuntura di mercato. Quelli nel quadrante in basso a destra, “Indebolimento”, stanno sovraperformando ma hanno rallentato rispetto al benchmark e dunque sono a rischio sottoperformance, ovvero di entrare nel quadrante “In ribasso”. Se infatti il ritmo della performance diminuisce ulteriormente, il settore comincerà a sottoperformare finendo appunto nel quadrante in basso a sinistra. Da qui, se i settori cominciano a recuperare momentum movendosi con più forza del benchmark passeranno nel quadrante “Miglioramento” e si candidano per tornare in quello del “In rialzo”, appena ricominceranno a sovraperformare il benchmark.

Per trovare informazioni sui diversi settoriali europei visita il link.
Per informazioni più dettagliate sul tool visita il link.