1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Mps-UniCredit: dado tratto dopo voto Siena. L’FT parla di fine vicina per Babbo Monte. Ma si torna a parlare di piano Isacco

QUOTAZIONI Bca MpsUnicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dossier Mps-UniCredit: la prossima settimana, con le elezioni suppletive di Siena alle spalle, l’AD di Piazza Gae Aulenti Andrea Orcel farà finalmente il grande annuncio? I mercati, ostaggio di rumor vari da ormai un anno circa, riusciranno finalmente a capire cosa ne sarà della banca senese Monte di Stato? In definitiva: le due banche annunceranno di aver trovato l’accordo oppure verrà decretato il flop delle trattative?

Qualunque sarà l’esito, la stampa internazionale parla di fine vicina per Mps. “Tension mounts as Monte dei Paschi di Siena nears its end”, scrive Il Financial Times, ovvero: “Montano le tensioni mentre Monte dei Paschi di Siena si avvicina alla sua fine”.

Ma non tutti la vedono allo stesso modo: UniCredit non è l’unica opzione, si ripete a Siena e anche negli ambienti finanziari. C’è un’altra opzione, che si chiama piano Isacco.

Facciamo il punto della situazione: si sa da settimane, almeno da quando sono iniziate le trattative tra il Mef principale azionista di Mps con una quota del 64%, e UniCredit, che quest’ultima tutto vuole fuorché accollarsi i problemi di Siena.

Orcel è a caccia del meglio di Mps. Una eventuale intesa non si concretizzerebbe dunque in una fusione, ma in un’acquisizione da parte della banca guidata da Orcel degli asset migliori del Monte. (qui il grafico pubblicato dal Financial Times, preso dall’Eba, Autorità bancaria europea, che riassume l’esito disastroso degli stress test di Mps, nello scenario attuale (2020) e in quello peggiore (worst-case scenario).

Due sono le condizioni poste da Orcel: la neutralità sul capitale e l’accrescimento degli utili.

Alcuni degli asset snobbati da UniCredit andrebbero così a finire a Mediocredito centrale, – banca pubblica – che però, reduce dall’acquisizione di Banca Popolare di Bari, non vuole certo altre grane.

C’è poi Amco, partecipata dal Tesoro, che dovrebbe aspirare i crediti deteriorati di Mps ma anche parte dei crediti in bonis che rischiano di diventare NPL. A tal proposito, qualcuno ha scritto che Orcel vorrebbe garanzie su ben 15,2 miliardi di crediti.

In questo quadro sia Amco che Mediocredito centrale si confermerebbero praticamente stampelle pubbliche  per tenere in vita i resti di Mps scaricati da Orcel. E qui è tutto un dire, visto che la parola pubblica fa capire come sarebbe lo Stato ad accollarsi il marcio di Siena, ovvero i contribuenti, insomma noi.

Cosa fagociterebbe UniCredit di Mps? Indiscrezioni stampa hanno indicato che Orcel punterebbe al 90% degli sportelli e alla controllata banca di consulenza online Widiba, mentre fuori dal radar rimarrebbero Mps Capital Services (la banca d’affari del Monte,) la fiduciaria, la controllata che si occupa di leasing e factoring e il Consorzio informatico.

UniCredit – forte anche del regalo di Stato chiarito recentemente dall’Agenzia delle Entrate – punterebbe in particolare su una cinquantina di miliardi di euro di attività su 90 totali, e su circa 1.100 dei 1.400 sportelli targati Mps, aveva scritto La Repubblica giorni fa, mentre riguardo al marchio, questo non entrerebbe nei desiderata del banchiere. Il marchio, infatti, non interessa: “ha un valore contabile di 500 milioni e il banchiere non pare disposto a riconoscerlo”.

Ieri il mercato ha scommesso sul buon esito delle trattative su Mps in corso tra il Tesoro e UniCredit. Il titolo UniCredit ha chiuso la sessione di Piazza Affari in rally del 5,10%, a 11,54 euro, rivedendo i massimi dal febbraio 2020. I buy sono stati scatenati dalle speculazioni, secondo cui la banca guidata da Andrea Orcel sarebbe più vicina a raggiungere un accordo con Mps. Oggi UniCredit si allinea al trend di Piazza Affari, riportando un calo superiore al mezzo punto percentuale.

L’intesa dovrebbe essere annunciata a seguito delle elezioni suppletive di Siena del 3-4 ottobre, che vedono correre il segretario del Pd Enrico Letta per il seggio parlamentare lasciato vacante da Pier Carlo Padoan, attuale presidente di Unicredit.

“Penso che si tratti di scommesse del mercato in relazione a progressi nell’operazione con Mps”, ha commentato Vincenzo Longo, analista di Ig Markets, stando a quanto riportato dall’agenzia di stampa Ansa, riferendosi al balzo delle quotazioni di Piazza Gae Aulenti. Mps, che alla vigilia ha guadagnato l’1,4% a 1,1 euro, lascia sul terreno lo 0,85% circa.

La preoccupazione è piuttosto alta per gli asset di Mps che nessuno vorrebbe: né UniCredit, né Amco, né Mcc.  Si tratterebbe di “entità legali come Mps Capital Services, Mps Leasing & Factoring, Montepaschi Fiducia, il Consorzio operativo che gestisce la rete informatica, ‘tutto con 5-6000 dipendenti dal futuro incerto”.

E si sa che il nodo esuberi dell’operazione è quello che ha messo in allarme i sindacati che, visto il silenzio del governo Draghi, sono scesi in piazza lo scorso venerdì 24 settembre rivendicando il loro ruolo di tutela dei diritti dei lavoratori nei negoziati in corso:

“Le Lavoratrici e i Lavoratori del Gruppo MPS hanno il diritto di conoscere con trasparenza quale sarà il loro destino lavorativo, quali sono le aziende coinvolte in questa vicenda (Unicredit, MCC, altre società che magari neppure applicano il Contratto del Credito?), quali potrebbero essere le loro mansioni (lo stesso lavoro, un lavoro diverso, magari meno qualificato?) e quale sarà il luogo di lavoro (lo stesso luogo o uno diverso, magari più lontano?). E per i paventati esuberi, la copertura economica del Fondo di Solidarietà sarà immodificata? E la permanenza sarà effettivamente allungata a 7 anni?”, è la domanda accorata, che porta la firma di Fabi, Uilca, First, Fisac, Unisin. Dai sindacati è stato lanciato anche l’allarme spezzatino su Mps.

Detto questo, c’è chi vede Mps in condizioni migliori rispetto a quando non solo non c’era nessuna fila per acquistare la banca, ma rispetto a quando in data room c’era solo il fondo Apollo.

Mps, Serra: vista prima come bacio della morte, con UCG ora è opportunità

Interpellato dall’Ft Davide Serra, CEO of Algebris, ha commentato:

Sette mesi fa, Mps veniva vista come il bacio della morte. Ma, con le condizioni di Orcel, oggi si rivela una opportunità molto attraente”.

Tra l’altro il Financial Times ricorda che, visto che in base agli accordi siglati con Bruxelles, il Mef deve uscire dal capitale di Mps entro il 2021, il governo Draghi non ha né molta scelta né molto tempo: deve cedere di fronte alle richieste di Orcel.

Non ci sono altre opzioni – ha fatto notare una fonte vicina ai negoziati tra le due banche – L’unico acquirente serio è UniCredit”.

Certo i senesi la vedono in modo diverso. Intervistata dall’FT Annalisa Tognazzi,72enne che gestisce una tabaccheria a pochi metri dal quartiere generale di Mps, ha detto che la città di Siena potrebbe perdere “il pilastro su cui si regge”, nel caso in cui il deal con UniCredit dovesse andare in porto.

“Sono preoccupata. Mio fratello, che ha lavorato per la banca, è preoccupato. Mio nipote che lavora per la banca è preoccupato. La situazione è catastrofica. Vedere la banca più vecchia del mondo essere fatta a pezzi è davvero, davvero triste”.

Mps, UniCredit unica alternativa? Si torna a parlare di piano Isacco

Eppure, a fronte di chi ritiene che non ci siano altre strade per salvare il Babbo Monte, c’è chi ricorda come un piano alternativo a UniCredit, invece, ci sia eccome: si chiama piano Isacco.

Premessa: tra le zavorre che pesano sul bilancio di Mps e che rendono la banca sicuramente non attraente agli occhi di eventuali potenziali compratori, ci sono cause legali che valgono ben 10 miliardi di euro e che sono probabilmente la vera spina nel fianco del Monte.

Il piano Isacco prevede che il Mef, maggiore azionista di Mps che non vede l’ora di sbarazzarsi della sua quota, ceda ai creditori le proprie azioni.

Di primo acchito si potrebbe pensare che, per i creditori di Mps, accettare le azioni Mps che valgono davvero poco sarebbe un suicidio.

Non proprio però, a una analisi più approfondita. Nel prendere la strada del tribunale, i creditori potrebbero infatti anche, ma la vittoria sarebbe amara, in quanto in tasca arriverebbe davvero poco:

Mps, quei miliardi che deve, non ce li ha.

Accettando le azioni del Mef, invece, i creditori diventerebbero azionisti di una banca ormai scevra dall’annoso problema dei guai legali: una banca dunque sicuramente più appetibile, allegerita da quelle cause legali, che potrebbe a quel punto interessare non più soltanto a UniCredit. E che potrebbe magari dare davvero il via a un terzo polo bancario in Italia.