1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

La Tesla cinese non si ferma più, strabiliante +1.000% Ytd. I segreti di NIO che vale più del doppio di FCA, per analisti il futuro è suo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Performance da fare invidia anche a Tesla. Parliamo del vero e proprio boom delle quotazioni di Nio, il produttore cinese di auto elettriche che sta calamitando sempre più le attenzioni degli investitori a suon di record in Borsa. L’ADR di Nio quotato a Wall Street ha raggiunto ieri i 48,3$ con un nuovo balzo giornaliero del 12%. Nelle ultime settimane l’impennata del titolo è divenuta verticale sulla scia di un newsflow che sta calamitando i buy sul titolo che ha raggiunto  e superato il target price di 46 dollari indicato nei giorni scorsi da JP Morgan sulla base della convinzione che  l’azienda con sede a Shanghai sarà un vincitore nel mercato dei veicoli elettrici.
Le stelle nascenti cinesi del comparto EV promettono di fare concorrenza a Tesla. Xpeng, sbarcata ad agosto sul Nyse raccogliendo 1,5 miliardi di dollari e segnando +67% nel giorno del debutto, ora vale già il triplo (ieri ha chiuso a +33% sull’onda dei conti oltre le attese). Xpeng annovera tra i suoi finanziatori il titano cinese dell’e-commerce Alibaba e Xiaomi. 

A infiammare ieri il titolo NIO sono stati  proprio i numeri della rivale cinese XPengche ha riportato utili del terzo trimestre migliori di quanto previsto da Wall Street. I conti di NIO arriveranno il 17 novembre. 

Titolo strabilia, i motivi sono tanti

Da marzo in avanti la corsa di Nio a Wall Street non ha conosciuto soste  con uno strabiliante +2.800% circa dai minimi a 1,66 dollari a cui era scivolata. Qualcosa è cambiato nel sentiment degli investitori dopo l’iniezione di 7 miliardi di yuan (1 miliardo di dollari) effettuata ad aprile da parte di investitori nella città cinese di Hefei, dove Nio ha recentemente allestito una nuova sede centrale, è stata fondamentale per ripristinare la fiducia degli investitori, secondo la società di consulenza Sino Auto Insights
Tra le notizie arrivate nelle ultime settimane a gettare benzina sul fuoco del rally di Nio ci sono i dati di ottobre, con vendite per oltre 5.000 veicoli (di cui 2.695 ES6, il suo SUV a 5 posti, 1.477 ES8, il SUV a 6 e 7 posti e 883 EC6, il SUV coupé), ossia raddoppiate rispetto al periodo dell’anno precedente.

Nel 2021 parte l’attacco all’Europa

Inoltre, il produttore di di veicoli elettrici sta cercando di espandersi in Europa. Gli ultimi rumor vedono il lancio dei suoi modelli ES8 ed ES6 in Europa il prossimo anno con il suo primo negozio NIO House a Copenhagen, in Danimarca. Ciò segna un cambiamento rispetto alle indiscrezioni precedenti che avevano evidenziato la Norvegia come la prima destinazione mirata dell’azienda al di fuori della Cina.
Nio, insieme ai colleghi cinesi BYD Co. e XPeng Inc., è tra i grandi beneficiari della forte crescita nell’adozione di veicoli elettrici in Cina, aiutata dall’attenzione di Pechino per incentivare gli sviluppatori di auto elettriche. La Cina vuole che i veicoli elettrici rappresentino il 15% o più del mercato nel 2025.

Sorpassati tanti mostri sacri dell’auto

Con il +972% da inizio anno, NIO ha raggiunto una capitalizzazione record di oltre 64 miliardi di dollari, ossia più di GM (56,6 mld $) e anche più di Ford (32,2 mld $) e FCA (28,8 mld $) messe insieme.  Non lontana Volkswagen, terzo maggior colosso auto al mondo che capitalizza oltre 90 mld$. Inarrivabile, per il momento, Tesla che con il +400% Ytd veleggia a 394 mld di dollari di valorizzazione.

Come viaggiare in uno smartphone a 4 ruote

Nio è considerato uno dei più agguerriti concorrenti di Tesla e prima ancora di vendere una macchina, l’azienda si è concentrata molto sulla creazione di un marchio, vendendo cappelli Nio e altri prodotti online per milioni di dollari. Ha poi creato servizi come lo scambio di batterie, furgoni elettrici mobili e “Nio Houses”, showroom che mirano a diventare anche club house con biblioteca e laboratori per bambini.
Nio punta molto sul concetto della centralità della batteria attorno al quale si sviluppa l’auto. Nio, così come Tesla, ha una strategia volta a ricreare attorno a una nuova esigenza di mobilità, e anche di stile e guida in sicurezza, un qualcosa di diverso attraverso la propulsione elettrica e anche una nuova combinazione di user experience e software. “Come viaggiare su uno smartphone a 4 ruote, rimarca Leonardo Buzzavo, Professore Associato di Strategia e Marketing all’Università Ca’ Foscari Venezia, in in’intervista concessaci un paio di mesi fa.

JP Morgan la vede vincitrice nel lungo periodo nel segmento EV premium

“Crediamo che Nio sarà un vincitore a lungo termine nello spazio EV premium, con una quota di mercato del 30% entro il 2025″, ha scritto JP Morgan in una nota ai clienti. “Una valutazione più alta può essere giustificata in quanto Nio sta guidando la trasformazione del suo modello di business nel mercato cinese degli smart EV – dalla vendita diretta alla potenziale monetizzazione sia dei clienti ‘B’ che ‘C’ attraverso la sua piattaforma e l’offerta di contenuti in futuro – in modo simile al fenomeno a cui assistiamo ora nel business dell’e-commerce”.