1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Apertura cauta per le borse europee su timori Grecia e Spagna. Oggi incontro Draghi-Merkel

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apertura delle borse europee all’insegna della prudenza. Oggi occhi puntati sull‘incontro tra il cancelliere tedesco, Angela Merkel e il presidente della Bce, Mario Draghi. Uno dei temi caldi oggetto di discussione al vertice con ogni probabilità sarà il possibile potenziamento del fondo salva-Stati Esm da 500 miliardi di euro a 2mila miliardi di euro. Incertezza anche dal fronte Grecia, con le voci che si rincorrono su un possibile buco del debito pubblico ellenico che avrebbe raggiunto quota 20 miliardi di euro, il doppio rispetto a quello inizialmente previsto. Ma anche dal fronte Spagna, circa l’indecisione del premier Rajoy se richiedere o meno l’attivazione dello scudo anti-spread.

Bad news dal Fondo monetario internazionale con Christine Lagarde che ha dichiarato che l’economia globale è più debole di quanto stimato a luglio. “Continuiamo a stimare una ripresa graduale, ma la crescita globale sarà più debole rispetto a quanto stimato a luglio”. Secondo le ultime stime targate Fmi nel 2012 e nel 2013 il Pil globale registrerà un +3,5% e un +3,9%.

Sotto controllo per adesso il mercato secondario con lo spread Btp-Bund che si è riaffacciato a quota 350 punti base. A Piazza Affari, a  circa mezz’ora dall’apertura degli scambi, il Ftse Mib si mantiene cauto con un rialzo dello 0,04% a 15.875 punti mentre il Ftse All Share si attesta a 16.797 punti in perfetta parità.

Incerte anche le altre piazze del Vecchio Continente. Nei primi minuti di scambio a Francoforte il Dax cede lo 0,16% a 7.402 punti, mentre a Parigi il Cac40 scivola dello 0,21% a 3.489 punti. Positivo invece l’indice Ibex di Madrid, che sale dello 0,51% a 8.180 punti, e Londra con il Ftse in rialzo dello 0,05% a 5841 punti.