1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Piazza Affari: per analisti nuovo interesse su operazioni straordinarie banche ridesterebbe interesse acquirenti

Vendite a Piazza Affari, con il Ftse mib che cede il 2% in un contesto di debolezza in scia ai timori per l’evoluzione del Covid. Sotto lente accordo Opec+

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora vendite in avvio di settimana per Piazza Affari che è alle prese in compagnia dei mercati globali con alcune tematiche, tra cui l’ultimo annuncio dell’Opec + sulla produzione di petrolio, il tema inflazione e non perde di vista l’evoluzione della pandemia con i timori legati all’aumento dei casi legati alla variante Delta. E così le vendite fioccano sulla Borsa di Milano, con l’indice Ftse Mib che cede oltre il 2% a quota 24.251,29 punti, proseguendo sulla strada dei ribassi di venerdì scorso quando il listino ha terminato a 24.792 punti (-0,33%). Come sottolinea Pietro Di Lorenzo, trader professionista e fondatore di SOS Trader, nella sua analisi settimanale l’indice Ftse Mib prosegue la fase di correzione dai massimi toccati l’8 giugno a a 25.926 punti archiviando la quarta settimana in rosso nelle ultime cinque.

I temi caldi della giornata

Tornando agli appuntamenti della seduta, dopo i precedenti tentativi falliti è arrivato l’accordo sulla produzione raggiunto dall’Opec+. Le quotazioni scontano l’aumento dell’offerta che, in base ai termini dell’intesa, aumenterà di 400.000 barili al giorno a partire dal mese di agosto fino al settembre del 2022. Il tutto in un contesto in cui i timori per l’evoluzione della pandemia di coronavirus alimentano la prudenza tra gli operatori. L’aumento di nuovi casi di Covid-19 in molti paesi e nuove misure per arginare la diffusione della variante Delta continua a preoccupare gli investitori riaccendendo i timori per la ripresa economica.

Poche le indicazioni macro in arrivo oggi, con la sola pubblicazione prevista dell’indice Usa Nahb che misura la fiducia dei costruttori. A livello societario invece prosegue la stagione degli utili negli Usa, sotto la lente i risultati finanziari di IBM in uscita a mercati chiusi.

I 5 titoli da seguire oggi

“Sul fronte italiano, Piazza Affari perde forza relativa non riuscendo a trovare temi in grado di riportare denaro sui settori più capitalizzati. Solo il ritorno di interesse intorno a operazioni straordinarie sul settore bancario, potrebbe nuovamente catalizzare l’interesse degli acquirenti sul listino milanese. Operativamente deteniamo in portafoglio un titolo del settore lusso che si avvicina lentamente ma inesorabilmente al target”, afferma Pietro Di Lorenzo, trader professionista e fondatore di SOS Trader.

Tra i titoli interessanti per la prossima seduta, SOS Trader segnala Amplifon. Gli analisti sottolineano che mostra crescente forza relativa apprezzandosi del 6,57% nelle ultime 5 sedute. Il superamento di area 41 euro potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

Alto titolo è Nexi che disegna un interessante pullback. L’interruzione della serie di massimi giornalieri decrescenti (con il ritorno sopra 18,5 euro) potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

Leonardo archivia tutte le 5 sedute settimanali in rosso riportandosi su livelli che non vedeva dal 19 febbraio. “Monitoriamo il supporto psicologico dei 6 euro sul quale potremmo assistere a un tentativo di rimbalzo”, indicano gli esperti.

Interpump consolida sotto la resistenza chiave passante in area 52 euro. Secondo l’analisi di SOS Trader, una chiusura superiore a questo livello, fornirà un solido segnale di continuazione rialzista.

Bper infine entra nel mirino dei ribassisti chiudendo la settimana in ribasso del 7,28%. In particolare, lo short sul titolo è cresciuto del 129,76% nelle ultime 2 settimane passando dallo 0,84% all’ 1,93% attuale del capitale shortato. Monitoriamo i movimenti delle mani forti per valutare l’evoluzione dei prezzi.