1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

A Piazza Affari inciampa Intesa Sanpaolo tra le banche. Sprint di Atlantia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari torna a salire dopo il passo falso della vigilia. Gli investitori mettono in secondo piano le notizie non positive sul fronte sperimentazione anti-Covid e le nuove misure restrittive in diversi paesi d’Europa. L’Olanda ha deciso di chiudere bar e ristoranti, la Francia attende il discorso del presidente Emmanuel Macron, previsto questa sera, in cui potrebbe annunciare un’ulteriore stretta.
Nel frattempo, prosegue la stagione dei conti con le trimestrali di altre big bank Usa, con Goldman Sachs che ha sorpreso in positivo sul fronte utili. Numeri che non stanno spingendo Wall Street che si muove poco sotto la parità.

Intanto il vicepresidente della Federal Reserve Richard Clarida ha affermato che l’economia statunitense è caduta in un buco profondo e avrà bisogno di tempo per risalire, “forse un altro anno” nel caso del PIL e forse tre anni per il tasso di disoccupazione.

Sprint di Atlantia, banche contrastate

Piazza Affari alla fine ha chiuso con l’indice Ftse Mib a +0,25% in area 19.607 punti. Tra i titoli del listino principale, spicca il balzo di Atlantia che chiude a +9,16% a 14,48 euro. Atlantia ha deciso di aderire alle richieste del governo su Autostrade, per non incorrere nel rischio della revoca della concessione, aprendo a CdP e optando per un periodo di esclusiva fino al 18 ottobre in cui attenderà una proposta per acquistare l’intera quota dell’88% che la holding della famiglia Benetton detiene nel capitale di Aspi.
Miste le banche, dopo i forti ribassi della vigilia. Banco Bpm è avanzato dello 0,43% e Bper dello 0,4%. In calo invece Unicredit (-0,34% a 7,053 euro) all’indomani della cooptazione in cda dell’ex ministro, Pier Carlo Padoan, che sarà nominato presidente la prossima primavera. La peggiore è stata Intesa Sanpaolo con -0,97%.

Scatto di Saipem

Seduta tonica per Saipem che ha accelerato nel pomeriggio. Il titolo ha chiuso a +1,59% a 1,4795 euro. Oggi su Saipem si sono espressi diversi analisti, tra questi Morgan Stanley (rating equalweight con tp a 1,75 euro) si aspetta risultati del 3° trimestre che confermino un miglioramento dei margini trimestre su trimestre, sebbene il contesto macro rimanga difficile. La casa d’affari Usa ritiene che il mercato si concentrerà sui commenti sul percorso verso la ripresa, e la chiave qui sarebbero gli aggiornamenti alla guidance 2020 rispetto alle aspettative di consenso. “Il forte portafoglio ordini di Saipem dovrebbe ancora fornire supporto per i ricavi del 2020 e 2021, ma permangono rischi di esecuzione, in particolare nel business delle costruzioni onshore”, aggiunge Morgan Stanley.
Infine, in rialzo Leonardo (+0,37%) che ha siglato un contratto con Airbus per la fase di studio avanzata del braccio robotico del Sample Fetch Rover dell’Esa e abbia ottenuto dall’Esa il finanziamento per proseguire lo studio del Sample Transfer Arm per il lander della Nasa.