1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Piazza Affari, dossier Astaldi resta caldo: Salini Impregilo ‘segue la vicenda’

Fuori e dentro Piazza Affari la storia Astaldi rimane uno dei temi caldi, dopo la richiesta di ‘concordato in bianco’ da parte della società. I possibili scenari che si potrebbero …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel futuro di Astaldi potrebbe giocare un ruolo importante un altro big italiano nel mondo delle costruzioni e infrastrutture: Salini Impregilo. La società è uscita allo scoperto ieri, con un’importante apertura per Astaldi dopo la bufera che si è abbattuta sul titolo a Piazza Affari dopo l’annuncio della presentazione al Tribunale di Roma della domanda di concordato preventivo “con riserva”.

 

L’apertura di Salini

Sulla questione Salini Impregilo scrive:

nell’ambito della strategia di consolidamento della propria posizione di leadership nel settore delle grandi opere infrastrutturali valuta continuamente ogni opportunità di crescita. In linea con tale strategia, la società sta seguendo con attenzione le evoluzioni riguardanti società operanti nel settore delle costruzioni all’estero e in Italia, e tra queste anche il Gruppo Astaldi, con l’obiettivo di valutare ogni possibile opzione coerente con i propri obiettivi di disciplina finanziaria e creazione di valore per i propri stakeholders“.

Nessun impegno concreto al momento da parte di Salini che precisa che “non è stata assunta alcuna determinazione in merito”. Si tratta però di un’apertura ufficiale importante per il futuro di Astaldi che dall’annuncio della richiesta di ‘concordato in bianco’ ha perso circa il 60% (in sole 4 sedute) a Piazza Affari, con le azioni che sono precipitate da quota 1,14 euro (chiusura di giovedì 27 settembre) a quota 0,41 euro (chiusura di ieri). Il titolo è in questo momento in asta di volatilità, con un rialzo teorico di circa il 15 per cento.

Ieri il titolo Astaldi aveva recuperato un po’ terreno grazie alle indiscrezioni di  Bloomberg News, secondo le quali  i negoziati per la vendita della partecipazione nella concessionaria per il Terzo Ponte sul Bosforo in Turchia starebbero andando avanti con il consorzio guidato dalla cinese China Merchants Group. Con Astaldi che punta a raggiungere un accordo per il progetto del ponte entro la fine dell’anno.

 

Il dossier Astaldi rimane certamente caldo su più fronti. Stando a “Il Messaggero”, il gruppo romano potrebbe dividersi in due per salvarsi. La società potrebbe nuovamente chiedere soldi al mercato, con un aumento di capitale, e alle banche, come finanziamento dell’attività sotto la garanzia del tribunale. Il quotidiano romano riporta ancora che nelle pieghe del piano e dello sdoppiamento in due, potrebbe infilarsi Salini Impregilo, l’altro gigante romano che ha il 90% dei ricavi all’estero.

Il piano di concordato preventivo con riserva, in continuità aziendale ex art. 161 sesto comma legge fallimentare, deciso dal cda straordinario presieduto da Paolo Astaldi – riunitosi alle 19,05 di giovedì 27 settembre e presentato al tribunale di Roma -, contiene una prima bozza di piano in corso di definizione orientato, in primo luogo alla “salvaguardia del business (e immediatamente di riflesso, del ceto creditorio), con particolare riferimento alle commesse estere”.

 

L’annuncio del concordato, i giudizi delle agenzie di rating…

Venerdì scorso la società romana delle costruzioni ha deliberato di presentare al Tribunale di Roma una domanda di concordato preventivo “con riserva”, prodromica al deposito di una proposta di concordato preventivo in continuità aziendale. Lo rende noto la società in un comunicato nel quale ha annunciato le deliberazioni in merito all’andamento aziendale e al piano di rafforzamento patrimoniale e finanziario. A spingere la società ad agire su questo fronte è stata proprio la questione del ponte sul Bosforo: “il protrarsi della procedura di vendita del Terzo Ponte sul Bosforo, determinato dalle vicende politiche ed economico-finanziarie che hanno interessato la Turchia nel corso del 2018, ha imposto di adeguare il complessivo Piano di rafforzamento patrimoniale e finanziario presentato al mercato”.

 

E poi in settimana si sono susseguiti anche i declassamenti delle agenzie di rating, prima quello Fitch che ha tagliato il rating su Astaldi a ‘C’ dal precedente ‘CCC-‘, e poi S&P che ha portato la raccomandazione a ‘D’ (default) dal precedente ‘CCC-‘. Un giudizio, quello di S&P, che ha fatto molto rumore e che ha spinto la stessa Astaldi a confezionare un comunicato ad hoc. Innanzi tutto, “il declassamento di S&P a D (“default”) non vuol dire fallimento“, rimarca Astaldi in una nota nella quale precisa che la procedura di “concordato preventivo in continuità” attivata lo scorso 28 settembre ha lo scopo, tra l’altro, di garantire ai committenti la regolare prosecuzione dei lavori in tutti i cantieri in cui il Gruppo sta operando, oltre che tutelare i creditori e preservare il patrimonio aziendale.
Astaldi precisa che l’azione di S&P di declassare il rating a D segue la decisione della società di presentare domanda di concordato. S&P valuta la situazione attuale di Astaldi al pari di un default poiché la richiesta di concordato preventivo implica la sospensione dei pagamenti rivenienti da tutti gli impegni pregressi alla data di presentazione della domanda di concordato, salvo espressa autorizzazione del tribunale, durante il periodo del concordato. Astaldi precisa infine che tutti i pagamenti maturati relativi alle obbligazioni emesse sono stati regolarmente pagati.

Nel frattempo ieri, nel tam tam di voci sui progetti in essere e i potenziali rallentamenti che potrebbero subire, sono arrivate le puntualizzazioni in merito ai lavori della M4 di Milano. M4 Spa, società concessionaria per la progettazione, realizzazione e gestione della linea 4 della metropolitana milanese, in riferimento alle vicende che coinvolgono Astaldi (socio al 9,6% della concessionaria e al 32% del consorzio dei costruttori CMM4) ha precisato che le attività dei cantieri per la realizzazione della M4 stanno proseguendo regolarmente.