1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Per Piazza Affari un maggio avanti tutta: migliori e peggiori del mese e 3 titoli del Ftse Mib azzannano i massimi storici

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Piazza Affari prova a chiudere in bellezza un mese di maggio scoppiettante con il Ftse Mib tornato nelle ultime sedute sopra i 25 mila punti riportandosi così nei pressi dei massimi ultradecennali toccati a febbraio 2020 prima dello scoppio della pandemia. Il Ftse Mib è reduce da quattro settimane consecutive di rialzi, assorbendo bene settimana scorsa il ricco stacco dividendi del 24 maggio.
Oggi l’indice guida milanese segna +0,8% a 25.262 punti con Atlantia (+3,13%), Banco BPM (+1,27%) e Unipol (+1,15%) tra i top performer di giornata. In rialzo dello 0,42% Generali che stamattina ha lanciato un’Opa su Cattolica a 6,75 euro per azione.

Attacco ai top ultradecennali

L’indice guida italiano ha toccato venerdì un nuovo massimo di periodo a 25.186 punti, confermando l’intenzione di voler proseguire al rialzo dopo il test del supporto a 24.670 punti. “Al movimento manca però la forza e ben si vede da RSI dove l’oscillatore non è ancora riuscito a recuperare la ex trend line rialzista – rimarca l’ufficio Studi di FinanzaOnline – . In ogni caso con una chiusura sopra 25.200 punti il Ftse Mib potrebbe tentare un allungo verso 25.483 punti, i massimi pre-covid toccati il 19 febbraio 2020. Al contrario, invece, la rottura di 24.670 punti potrebbe dare sfogo a ulteriori ribassi verso 24.000 punti, area di prezzo importante per l’indice italiano ma, per il momento, è un target abbastanza profondo.

Top & flop del mese di Maggio

Guardando alle performance dell’ultimo mese, non sorprende vedere in prima fila le banche sull’onda dei riscontri oltre le attese delle trimestrali, accompagnati dall’intensificarsi delle voci di M&A che coinvolgono diversi titoli bancari di Piazza Affari.
La prima posizione va a Banco BPM con quasi +25%, che risulta anche il miglior titolo Ytd con +63% davanti a Tenaris con +42% e Poste Italiane con +39,6%.
1 BANCO BPM +24,8%
2 UNICREDIT +22,4%
3 STELLANTIS +17,3%
4 MONCLER +14,6%
5 CNH INDUSTRIAL +14,2%
Non mancano alcuni segno meno con oltre -5% per Inwit, seguita da Fineco con -4,3% e Telecom Italia a -3,5%.
1 INWIT -5,2%
2 FINECOBANK -4,3%
3 TELECOM ITALIA -3,5%
4 FERRARI -2,3%
5 ENEL -2,0%

Tre titoli ai top storici

Da segnalare i nuovi top storici toccati da tre delle big del listino milanese. L’oltre +14% di maggio ha proiettato Moncler ai nuovi massimi assoluti (oggi top storico intraday a 58,88 euro) con gli investitori che guardano anche a possibili mosse future dopo le parole di Remo Ruffini che ha comunque escluso la creazione di un polo italiano del lusso.

Nuovi massimi assoluti anche per Amplifon che stamattina si è spinta sopra i 39€.

Infine, Interpump segna +1,6% a 48,92 euro dopo la buona accoglienza nelle scorse settimane dei risultati del trimestre e delle positive prospettive per i prossimi mesi. Il management ha confermato che ci sono diversi dossier M&A sul tavolo e sono fiduciosi di poter chiudere nuove potenziali acquisizioni di medie dimensioni nei prossimi mesi.