1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Nikola sotto shock: il fondatore lascia e investitori temono il peggio, crollo a Wall Street e KO anche CNH

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Trevor Milton, fondatore e deus ex machina dell’innovativa startup Nikola, lascia ogni incarico nella società e si dedicherà a difendersi dalle pesanti accuse che gli sono piovute addosso. Nikola in questi mesi ha fatto tanto parlare di se con violenti saliscendi a Wall Street di quella che molti hanno ribattezzato la Tesla dei camion e che vede tra i suoi azionisti e partner industriali grandi gruppi quali General Motors e CNH Industrial.
Nikola ha annunciato che il fondatore Trevor Milton si dimetterà volontariamente dai suoi ruoli di presidente esecutivo e membro del consiglio di amministrazione. L’annuncio arriva dopo il terremoto causato da un report pubblicato da Hindenburg Research, noto short seller, ha accusato Nikola di essere “una frode complessa costruita su decine di menzogne”. La società ha respinto le accuse dicendo che c’erano dozzine di accuse inesatte nel rapporto. Le accuse hanno però acceso i fari di Securities and Exchange Commission (SEC) e Dipartimento di giustizia che stanno indagando sulle affermazioni secondo cui la società ha indotto in errore gli investitori.

Le pesanti accuse verso Milton

Nel dettaglio Hindenburg ha preso di mira proprio Trevor Milton accusandolo di false dichiarazioni sulla tecnologia di Nikola al fine di crescere la società e garantire partnership con le case automobilistiche (di poche settimane fa è l’accordo con General Motors).
“Abbiamo raccolto prove sufficienti e dettagliate – incluse registrazioni di conversazioni telefoniche, SMS, email private, fotografie scattate di nascosto – che mettono in evidenza decine di false dichiarazioni rilasciate dal fondatore (e ora presidente esecutivo) Trevor Milton. Non abbiamo mai assistito a un inganno di una tale portata da parte di una società quotata in Borsa, specialmente di questa dimensione” (QUI il report completo).

Al suo posto Girsky (ex GM)

Il board di Nikola ha accettato le dimissioni di Milton scegliendo Stephen Girsky, ex vice presidente di General Motors e membro del consiglio di Nikola, quale nuovo presidente con effetto immediato. “Nikola è davvero nel mio sangue e lo sarà sempre, e il focus dovrebbe essere sulla società e sulla sua missione che cambia il mondo, non su di me”, ha detto Milton che possiede circa 82 milioni di azioni o il 20% della società, per un valore di circa 2,8 miliardi di dollari.
Milton, molto attivo sui social in questi mesi, ha scritto anche questa mattina su Twitter rimarcando, tra l’altro, che intende difendersi “dalle false accuse mosse contro di me da detrattori esterni”.

Tonfo del titolo Nikola e va KO anche l’italiana CNH

Nel pre-market si annuncia un tonfo del titolo Nikola che segna al momento un calo del -24% in area 26 dollari. Una situazione che si ripercuote anche sull’italiana CNH che detiene una quota del 7,11% di Nikola e oggi viaggia sul fondo del Ftse Mib a oltre -6%. Settimana scorsa CNH ha ribadito che le sue divisioni IVECO e FPT Industrial sono pienamente impegnate a portare avanti la joint venture con Nikola. CNH Industrial prevede che la produzione in serie dei camion Nikola Tre sarà avviata nel 2021. CNH Industrial ha inoltre dichiarato che 5 prototipi dei camion a trazione elettrica sono in fase di assemblaggio per avviare entro fine anno i test su strada.
A due settimane fa risale l’intesa con GM che prevede che Nikola scambi 2 miliardi di dollari in nuove azioni con servizi e accesso a parti e componenti di GM che dal canto suo avrà l’11% di proprietà di Nikola e il diritto di nominare un amministratore nel suo consiglio. GM ingegnerizzerà e produrrà il Nikola Badger, che dovrebbe entrare in produzione entro la fine del 2022. Nikola prevede di ottenere un risparmio di 4 miliardi di dollari sui costi della batteria e del gruppo propulsore in 10 anni e un altro miliardo di dollari in costi di ingegneria e convalida. GM prevede oltre 4 miliardi di dollari di benefici tra il valore del patrimonio netto delle azioni, la produzione a contratto del Badger, i contratti di fornitura per batterie e celle a combustibile e crediti EV. GM sarà fornitore esclusivo di celle a combustibile a livello globale a Nikola per i camion di classe 7/8.

Da sconosciuta ad aspirante Tesla dei camion

Prima che sbarcasse a Wall Street lo scorso giugno attraverso una fusione inversa con una SPAC, Nikola era sconosciuta al grande pubblico. L’IPO ha messo alla ribalta il progetto ambizioso di Milton con valutazioni della società da subito superiori a colossi storici dell’auto quali Ford nonostante Nikola non abbia ancora prodotto in serie nessun camion e le sue uniche entrate fino ad oggi derivano dalla vendita di servizi di installazione di pannelli solari a Milton.
La ribalta di Wall Street, con il titolo diventato tra i preferiti dei piccoli trader di piattaforme come RobinHood, ha spinto molti investitori ed analisti a guardare con interesse al business di Nikola che è stata anche ribattezzata come possibile nuova Tesla dei camion.