1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

L’App di incontri creata da sole donne incanta Wall Street: +63% al debutto per Bumble su cui ha puntato anche Serena Williams

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Era il 2014 quando Whitney Wolfe Herd ha lanciato Bumble, un’app di incontri in cui sono le donne a fare la prima mossa. Un’app creata da donne e pensata per milioni di donne alla ricerca dell’amore, ribaltando le tradizionali regole sugli incontri.

Bumble: l’app per le donne in cerca dell’amore

Quasi sette anni dopo, l’azienda che si vanta del suo approccio tutto al femminile. A partire dal terzo trimestre del 2020, sull’app ci sono quasi 42 milioni di utenti attivi che cercano di trovare l’amore con un click. “Ogni singolo giorno ci siamo alzate la mattina e ci siamo concentrate sulla costruzione di un’esperienza intorno alle donne, per le donne”, ha detto Wolfe Herd a Squawk Alley della CNBC. “Quando le donne sono sicure e felici, tutti gli altri le seguono e questo crea un rapporto migliore per tutti”.
L’azienda ha anche lanciato un proprio fondo nel 2018 che si concentra su investimenti a imprese fondate e guidate da donne di colore e gruppi sottorappresentati, con Serena Williams come investitore. “Il nostro obiettivo è quello di essere un’altra voce che chiede più investimenti in imprese di proprietà di donne e incoraggiare gli altri a partecipare a portare incredibili donne imprenditrici nell’ecosistema del capitale di rischio fortemente squilibrato”, ha detto Wolfe Herd di Bumble Fund in un’intervista del 2019 con il Female Founders Fund. Bumble Inc, società proprietaria dell’app, possiede anche Badoo, altra celebre piattaforma di dating. A settembre 2020 le due dating app annoveravano insieme 40,6 milioni di utenti attivi mensili. La azienda attualmente impiega oltre 600 persone negli uffici di Austin, Barcellona, Londra e Mosca.

Ipo da sogno, debutto con +63%

Forte di questo successo, l’app è sbarcata sul Nasdaq. Un debutto col botto visto che ha segnato +63% a 70$. La quotazione arriva dopo un’offerta pubblica iniziale che ha superato le aspettative e valutato l’azienda a oltre 7 miliardi di dollari. La ceo Whitney Wolfe Herd, ha sottolineato che Bumble avrebbe usato i proventi della IPO per pagare debiti e valutare alcune acquisizioni.
“Siamo molto concentrati sulla crescita internazionale” ha detto Wolfe Herd. La società di private equity Blackstone. ha preso una una quota di maggioranza nella società madre di Bumble nel 2019 e tra gli altri investitori troviamo le società di venture capital Accel, Greycroft e Bessemer Venture Partners.