1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Il fascino fintech di Ant Group vs quello (a basso costo) di una buona banca in vecchio stile

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Nel marasma dell’election day del 3 novembre è passato sotto traccia l’inatteso stop all’Ipo di Ant Group a Shanghai e Hong Kong. Quella che doveva essere l’IPO dei record con la raccolta fino a 37 miliardi di dollari è sfumata all’ultimo minuto e il debutto sul mercato adesso rischia di slittare di sei mesi.  A Wall Street a pagare caro lo stop è stata la controllante Alibaba che in una seduta ha bruciato 68,4 miliardi di dollari di capitalizzazione e Jack Ma, co-fondatore del colosso cinese dell’ecommerce ha perso quasi 3 miliardi secondo le stime di Bloomberg.

Lo stop all’IPO è conseguente alla mossa di China Banking and Insurance Regulatory Commission e People’s Bank of China che hanno pubblicato un documento di consultazione, introducendo nuove misure per i micro prestiti.

Fintech e banche tradizionali 

Se da un lato c’è molto ottimismo sul futuro del fintech in Cina, dall’altro ci si chiede cosa questo significherà per le banche tradizionali e se a lungo termine porterà nuovi rischi sistemici al sistema finanziario. L’argomento è approfondito da Brian Bandsma, Portfolio Manager di Vontobel Asset Management. “All’inizio la Cina ha avuto un quadro normativo molto flessibile intorno al settore fintech e ha avuto una visione generalmente favorevole su di esso. Tuttavia, anche all’inizio, gli abusi e le frodi erano endemici. Nel corso del tempo, le normative si sono solidificate intorno al settore, contribuendo a ridurre questi rischi. Ciò ha portato anche ad un rapidissimo consolidamento dell’industria fintech, con due concorrenti dominanti. Sebbene l’opportunità di crescita e la possibilità per Ant e altri di interrompere le tradizionali modalità di intermediazione tra risparmiatori e mutuatari possa sembrare giustificare una valutazione elevata, rimangono diversi rischi che gli investitori dovrebbero prendere in considerazione”.
Al contrario, asserisce l’esperto di Vontobel AM, le quattro grandi banche cinesi stanno scambiando a livelli incredibilmente bassi. Certo, i rischi rimangono, ma per il momento l’economia cinese si è ripresa più velocemente di qualsiasi altra grande economia, e le banche hanno già effettuato importanti accantonamenti per le potenziali perdite sui prestiti. Gli investitori dovrebbero anche considerare che il governo probabilmente non permetterà al fintech di crescere a spese della destabilizzazione delle banche SOE. Di recente il governo è passato a una posizione politica più accomodante, che andrà direttamente a beneficio del settore bancario e dei quattro grandi player.
Alibaba ha preso in considerazione il listing di Ant da diversi anni. Ci sono state alcune sfide lungo il percorso, non ultima il cambiamento del contesto normativo. Non necessariamente specifico di una sola azienda, ma due anni fa una fonte di profitto considerevole era il guadagno di interessi sui saldi di cassa dei clienti. “Nel tentativo di ridurre il rischio di frode e di appropriazione indebita – prosegue Brian Bandsma – la banca centrale ha posto fine a questa pratica imponendo alle società fintech di detenere depositi in riserva senza che la piattaforma fintech maturi interessi. Poiché il modello di business e i potenziali rischi per il sistema finanziario sono nuovi e sconosciuti in questa fase, è improbabile che questo sia l’ultimo grande cambiamento normativo. Il recente ritardo dell’IPO da parte della China Securities Regulatory Commission per indagare sulle preoccupazioni relative all’offerta di azioni Alibaba in Ant ai fondi comuni di investimento distribuiti attraverso la piattaforma indica che l’autorità di regolamentazione sta prendendo sul serio i propri doveri”.
Una delle strategie di crescita di Ant è la sua espansione all’estero. La società ha alcuni investimenti all’estero, ma la finanza e le banche sono molto sensibili dal punto di vista politico. Quando le istituzioni finanziarie straniere portano capitali in un mercato, in genere sono più benvenute. “Se Ant fosse vista come un’azienda che porta capitali cinesi in altri mercati, l’accoglienza sarebbe molto più calorosa; ma con lo stato della geopolitica attuale e la posizione più aggressiva della Cina, questo potrebbe limitare la capacità dell’azienda di espandersi fuori dalla Cina. Già l’India e gli Stati Uniti stanno rendendo sempre più difficile per le aziende cinesi di del settore Internet operare nel loro Paese. È improbabile che si tratti di incidenti isolati”.
L’ultimo grande rischio da considerare, argomenta l’esperto, è il rischio di innovazione finanziaria. Basta guardare indietro alla crisi finanziaria globale per capire cosa comporta questo rischio. Nonostante la nuova terminologia, le banche e i prestiti sono abbastanza semplici e stabili. Si tratta di valutare correttamente il rischio di insolvenza, di valutare correttamente il prezzo di tale rischio e di riservare con prudenza man mano che i rischi si evolvono. “I maghi della finanza possono creare nuove strutture finanziarie e fornire la prova che queste nuove strutture riducono in qualche modo il rischio, ma la storia dimostra che questi rischi rimangono. Gran parte dell’argomento a favore dei modelli fintech per sfidare le banche tradizionali è che stanno sviluppando nuovi modelli di valutazione del credito basati su elementi come l’IA o i dati delle transazioni ad alta frequenza. Sembra plausibile, ma lo erano anche i mutui ninja, i titoli garantiti da attività o il credito default swap 13 anni fa”.
Il Portfolio Manager di Vontobel Asset Management rimarca come il rischio di investire in banche di proprietà dello Stato è dovuto sia al policy lending, che indirizza i prestiti a settori o industrie favorite indipendentemente dalla qualità del credito, sia ad abusi personali come il clientelismo o la corruzione. “Inoltre, poiché i manager non devono preoccuparsi tanto del rischio di un’errata allocazione del capitale, tendono ad essere meno scrupolosi nel valutare la qualità del credito o nell’effettuare accantanomenti accurati per potenziali perdite”…. “Negli ultimi anni, ci sono state riforme significative nel settore bancario in Cina. Almeno dal punto di vista delle quattro grandi banche – Bank of China, Industrial & Commercial Bank of China, China Construction Bank e Agricultural Bank of China – i controlli interni sono migliorati e i rischi derivanti da decisioni di prestito sbagliate o attività criminali sono diminuiti. I funzionari addetti ai prestiti e il senior management sono adeguatamente incentivati a valutare il rischio di rimborso e ad approvare i prestiti di conseguenza. E per non dimenticare le lezioni apprese dalla crisi finanziaria globale, le istituzioni finanziarie di importanza sistemica non potranno andare in bancarotta e fallire. Gli investitori in azioni possono correre il rischio di diluizione dall’iniezione di nuovi finanziamenti azionari, ma queste quattro banche sono troppo grandi per fallire”.
Mentre Ant sembra avere un’opportunità piuttosto solida per aumentare i guadagni a un ritmo molto alto, è importante considerare questi rischi e se vale la pena pagare più di 40 o anche 50 volte i guadagni per questa attività quando banche troppo grandi per fallire con almeno la capacità di crescere con l’economia vendono a multipli di guadagni a una cifra.