1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

FCA stoppa la produzione in Nord America, Manley: rivedremo la guidance

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

FCA sospende la produzione in Nord America in risposta all’emergenza COVID-19. L’annuncio è appena arrivato dal colosso auto italo-statunitense che rimarca come, in collaborazione con la United Auto Workers (UAW) e dopo aver ascoltato le preoccupazioni delle dei dipendenti, si è deciso di sospendere la produzione negli stabilimenti in Nord America, a partire progressivamente da oggi e fino alla fine di marzo.
Decisione analoga è stata presa oggi da General Motors e Ford.

Durante il periodo di sospensione produttiva, FCA implementerà azioni per facilitare le misure concordate dalla task-force congiunta tra la UAW e i costruttori. Durante questo periodo, che valuteremo nuovamente alla fine di questo mese. FCA apporterà interventi alle attività produttive per facilitare i cambiamenti concordati con la UAW, tra cui strutture e orari dei turni e interventi di igienizzazione intensificati.

Manley: forniremo aggiornamento della guidance una volta che quadro sarà più chiaro

“In collaborazione con la UAW, e dopo aver visitato molti dei nostri stabilimenti ieri, dobbiamo assicurarci che i nostri dipendenti si sentano sicuri sul posto di lavoro e che tutte le misure possibili siano adottate per garantire la loro protezione. Continueremo a fare ciò che è giusto per le nostre persone durante questo periodo di incertezza”, ha dichiarato Mike Manley, Amministratore Delegato di FCA.
FCA valuta l’impatto sulla nostra attuale guidance finanziaria di tutte le misure assunte all’interno della società e delle condizioni macroeconomiche collegate all’emergenza Coronavirus. “Forniremo un aggiornamento sulla nostra guidance finanziaria quando avremo completato tale valutazione ed avremo sufficiente visibilità sulle condizioni di mercato”, ha specificato Manley.
FCA aveva già annunciato settimana scorsa lo stop della produzione per due settimane in Italia, Serbia e Polonia, le previsioni sono di uno shock della domanda in Europa a partire da marzo e per tutti i mesi che si estenderà l’emergenza nei maggiori paesi UE.
Oggi il titolo FCA ha chiuso in calo di oltre il 10% scivolando sotto i 10 miliardi di euro di capitalizzazione per la prima volta dal 2016. Il valore in Borsa di FCA si è più che dimezzato nell’ultimo mese.