1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Dividendi 2020 da record: ben 8 titoli del Ftse Mib con rendimenti oltre il 5%, banche al top

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’assaggio di dividendi arrivato a inizio settimana, con i ricchi acconti cedola staccati da Enel e Snam, ha acceso i riflettori sulle interessanti opportunità di rendimento offerte dai titoli di Piazza Affari. Il Ftse Mib presenta infatti il più alto dividend yield a confronto degli altri principali indici borsistici. Gli analisti di Intermonte nell’outlook sulla prima metà del 2020 indicano un yield del 4%, in crescita dal 3,8% dello scorso anno. I dividendi in Italia risultano molto più in voga rispetto ai buyback che invece sono molto gettonati oltreoceano.
Tassi ben più alti di quelli attualmente offerti dai Btp (il titolo a 10 anni rende l’1,4% circa) e la crescita della remunerazione risulta in linea con quella globale. Secondo l’ultimo report di Allianz Global Investors, in Europa ci sarà una pioggia di dividendi per 359 miliardi, pari a 12 miliardi in più rispetto al record dello scorso anno e con un yield vicino al 3,7 per cento.

Banche sempre più generose, ecco perchè

Tra le cedole più interessanti spiccano quelle delle banche, che guadagnano posizioni nella classifica dei grandi pagatori di dividendi, anche in virtù del fatto che è uno tra i pochi settori che tratta a multipli inferiori a quelli medi storici; di contro il settore del risparmio gestito ha chiuso il gap grazie alla forte performance in borsa (e la forte crescita dell’EPS) e quello assicurativo tratta addirittura a premio.

I dividendi arriveranno la prossima primavera – relativi al bilancio 2019 – e la loro entità precisa sarà indicata nelle prossime settimane dai cda delle società che approveranno i conti 2019 e poi avallati dalle assemblee degli azionisti. Tra le novità più importanti spicca sicuramente il quasi sicuro ritorno del dividendo per realtà quali Banco BPM e Saipem.

Nella tabella contenuta nel report di Intermonte (dati aggiornati alla chiusura dell’8/01/2020)  si evince la folta presenza dei finanziari tra le società più generose, insieme alle utility. La classifica vede primeggiare Intesa Sanpaolo con un rendimento del 7,7% e cedola attesa di 0,18 euro per azione. In seconda posizione un’altra banca, UBI Banca, con yield del 7% (0,20 euro per azione), seguita da ENI con yield del 6,3% (0,89 euro per azione). Poco fuori dal podio si attestano Atlantia (6,1%), Generali (5,4%), Azimut e Snam (entrambe 5,3%), Mediobanca (5,2%) ed Enel (5,1%). In tutto sono ben otto titolo presentano rendimenti superiori al 5% e altri otto titoli superano il 4%.