1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Dieci ETF per il 2021

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

A Wall Street è opinione diffusa ritenere che le IPO, il Private Equity, le SPAC e i titoli Large Cap Growth continueranno ad essere i “grandi vincitori” nel post pandemia. Tuttavia non sempre i vincitori di ieri non hanno garantito performance future degne di quelle del passato. Da qui Astoria, società specializzata nella costruzione di portafogli di ETF, ha fornito alcune idee di investimento realizzabili indicando 10 tipologie di ETF su cui puntare per cavalcare tali possibili trend.

Focus su società estrazione rame e non solo

Ai primi posti troviamo il Global X Copper Miners Etf, l’iShares MSCI Gloibal Metals & Mining Producers Etf e l’SPDR S&P Metals & Mining ETF nella convinzione che i metalli industriali, rame in primis, possano dare soddisfazioni sotto la spinta della progressiva ripresa a pieno dell’attività economica.

Ancora healthcare

A seguire, c’è il settore Healthcare con FBT (First Trust NYSE Arca Biotechnology Index Fund) e ARKG (ARK Genomic Revolution ETF). Siamo nel bel mezzo della peggiore crisi sanitaria degli ultimi 100 anni, dicono da Astoria, e il vaccino efficace è probabilmente l’unico modo per tornare alla normalità. Da qui occhi puntati sugli ETF che investono in biotech come il First Trust NYSE Arca Biotechnology Index Fund e l’ARK Genomic Revolution ETF; quest’ultimo in particolare si concentra sul sequenziamento genomico, la ricerca sulle cellule staminali, la biologia agricola e la diagnostica molecolare.

Puntare sui settori ciclici e sul possibile bis del clean energy

Tra i migliori ETF su cui puntare, nel settore Cyclical Growth, troviamo XLE (Energy Select Sector SPDR Fund), KBWB (Invesco KBW Bank ETF), XLB (Materials Select Sector SPDR Fund), and XLI (Industrial Select Sector SPDR Fund) che, dicono gli esperti, giocheranno un ruolo importante nella ripresa dell’economia a stelle e strisce. Nel settore dell’energia pulita, focus su ICLN (iShares Global Clean Energy ETF) che potrebbe avere una spinta dall’agenda politica dettata dal neo Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Segmento del clean energy che già quest’anno ha offerto performance da record.

Small cap, Cina e bond emergenti

Tra gli altri, occhi puntati su EES (WisdomTree U.S. Small-Cap Fund), DGRE (WisdomTree Emerging Markets Quality Dividend Growth Fund), VTIP (Vanguard Short-Term Inflation-Protected Securities ETF), VOT (Vanguard Mid-Cap Growth ETF) e MCHI (iShares MSCI China ETF). Proprio la Cina è uno dei pesi strategici nei Portafogli di base dell’ETF di Astoria. Siamo nel bel mezzo di una delle peggiori recessioni della storia e la Cina ha operato come se non avesse perso un colpo. Infine menzione anche per l’EMB (iShares JP Morgan USD Emerging Markets Bond ETF) che tiene traccia di un indice del debito sovrano denominato in dollari USA emesso dai Paesi dei Mercati Emergenti con più di $1B in circolazione e con almeno due anni di vita residua, degno dicono gli esperti di far parte della lista dei migliori.