1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. trading ›› 

Da Ipo dell’anno a grande flop, Robinhood tradita da Wall Street. Sorridono solo i suoi due fondatori

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Debutto non proprio con il botto per Robinhood che nel primo giorno di negoziazioni alla borsa di New York chiude in calo dell’8,4% a 34,82 dollari rispetto al prezzo di offerta iniziale di $ 38 per azione, L’app simbolo dei meme stock delude le aspettative.

Il flop al debutto sul mercato, dopo che già il prezzo di quotazione era stato fissato al minimo della forchetta prevista, ha rivelato la mancanza di una domanda da parte degli investitori per la popolare app che ha portato il trading gratuito a milioni di americani.

Una vera e propria debacle se si pensa che in media le IPO di quest’anno a Wall Street hanno segnato un balzo del 39% del primo giorno di quotazione.

Robinhood ha comunque chiuso a un valore di mercato di $ 29 miliardi, ben sopra quella di altri grandi broker come ETrade, che aveva una valutazione azionaria di $ 11 miliardi quando è stata acquistata da Morgan Stanley l’anno scorso.

Robinhood delude in Borsa ma i fondatori festeggiano

I cofondatori di Robinhood, Vlad Tenev e Baiju Bhatt, possiedono ciascuno circa l’8% della società, che include quote di azioni vincolate che matureranno entro pochi giorni, secondo il deposito dell’Ipo della società. Sulla base di un prezzo di chiusura di 34,82 dollari, Tenev, 34anni, e Bhatt, 36, ora hanno un patrimonio stimati rispettivamente di 2,1 miliardi di dollari e 2,4 miliardi di dollari, secondo i calcoli di Forbes. L’azione con simbolo “Hood” avrà un prezzo iniziale di 38$, nella parte più bassa del range compreso tra 38 e 42 dollari per azione, valutando la società a quasi 32 miliardi di dollari. Il 35% delle 55 milioni di azioni previste nell’offerta pubblica iniziale saranno riservati agli utenti della stessa applicazione. La scelta di Robinhood di destinare una così larga parte dell’offerta ai piccoli risparmiatori è stata giustificata con la volontà di ridurre il ruolo degli attori istituzionali e di “democratizzare” maggiormente il processo di quotazione.

Fondata nel 2013 da Vladimir Tenev e Baiju Bhatt e che oggi conta 17,7 milioni di utenti attivi del primo servizio di trading a zero spese, Robinhood è diventata una porta d’accesso centrale ai mercati per gli investitori giovani e alle prime armi. L’app, che offre trading di azioni, criptovalute e opzioni, così come conti di gestione della liquidità, ha sperimentato livelli di trading record durante la pandemia e nel bel mezzo della mania delle azioni meme scoppiata a inizio del 2021. Robinhood stima di avere 22,5 milioni di conti finanziati (quelli legati a un conto bancario) a partire dal secondo trimestre, una stima in aumento rispetto ai 18 milioni del primo trimestre del 2021.