1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

La Cina e le auto elettriche a basso costo, un mercato sconfinato che Tesla non può raggiungere

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le auto elettriche stanno sfondando sul mercato cinese e si prospetta all’orizzonte un boom soprattutto dei modelli a basso costo, con prezzi a partire da soli 4.230 dollari, con buona pace di Tesla.
Se infatti una Model 3 parte da circa 38.000 dollari, in Cina si può acquistare un crossover da 66.900 yuan (10.000 dollari) dal produttore cinese Hozon Auto. Il modello è uno dei tanti veicoli che funzionano con batterie e che stanno guadagnando popolarità tra la fascia della  popolazione a basso reddito, considerando i prezzi modesti e costi di gestione più bassi – i veicoli elettrici non hanno bisogno di cambi d’olio, candele, o che le varie cinghie debbano essere sostituite periodicamente come sulle auto a benzina.

Auto elettriche e lo sconfinato mercato cinese

I veicoli elettrici economici hanno il potenziale di essere alla portata di un’intera classe di persone che prima non potevano permettersi di avere quattro ruote. “Questi EV economici stanno raggiungendo un target di cliente in Cina, come probabilmente faranno in altri mercati quando i prezzi scenderanno” dice l’analista di BloombergNEF Siyi Mi. I prezzi dei veicoli elettrici sono sulla buona strada per essere al pari con le auto a combustibile fossile nei prossimi quattro o sei anni e a quel punto le vendite annuali inizieranno a salire alle stelle, raggiungendo 25 milioni nel 2030, da circa 2 milioni all’anno attualmente, secondo BNEF.
Questo cambiamento potrebbe avere effetti sociali di vasta portata, soprattutto per le persone che vivono fuori dai centri urbani e nelle zone rurali dove l’accesso al trasporto pubblico è limitato, sottolinea Selika Talbott, docente presso l’American University di Washington e socio fondatore di una società di consulenza automobilistica.
Nell’ultimo decennio, i prezzi delle auto hanno superato di gran lunga la crescita dei salari negli Stati Uniti, costringendo un quinto della popolazione con i redditi più bassi a spendere fino al 30% del loro reddito per i costi di trasporto. In Cina, la Neta N01 di Hozon Auto è uno dei tanti veicoli elettrici a basso costo, affiancandosi alla minicar e1 da 8.950 dollari della BYD Co. sostenuta da Warren Buffett. C’è anche la Hongguang Mini della joint venture SAIC Motor Corp.-General Motors Co. che è entrata sul mercato l’anno scorso ad un prezzo base di soli 4.230 dollari ed è diventata rapidamente un successo. Nella prima metà del 2020 il prezzo medio al dettaglio di un EV, esclusi gli incentivi, era di 55.233 dollari negli Stati Uniti, rispetto ai 29.895 dollari in Cina, secondo la società di ricerca automobilistica Jato Dynamics.
Inoltre, i prezzi bassi permettono a un numero crescente di persone – spesso giovani, a basso reddito e che vivono fuori dalle grandi città – di acquistare la loro prima auto. Questi EV sono particolarmente popolari nelle parti più rurali della Cina, dove vivono più di 500 milioni di persone ma meno di 1 su 5 ha posseduto un’auto fino a poco tempo fa.
Il primo posto, nel mercato degli EV (veicoli elettrici), è stato aggiudicato a febbraio da Hongguang Mini, auto elettrica a basso costo sviluppata dalla joint venture di General Motors con Wuling Motors e il produttore statale SAIC Motor. Al secondo posto Tesla, con il Model 3.
Certo questo successo crescente dell’industria EV a basso costo della Cina ha avuto come spinta i sussidi governativi e altri incentivi come i prestiti a basso interesse nei villaggi, nelle città e nelle piccole città. La Cina è anche il più grande produttore di batterie del mondo, quindi i suoi produttori di auto elettriche beneficiano dell’accesso a una fornitura a basso costo della parte più costosa di un veicolo plug-in.