1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bond emergenti molto meno rischiosi di quel che si pensi, il caso Cina ai tempi del coronavirus

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ci sono molte idee sbagliate sugli investimenti nel debito dei mercati emergenti, ma una delle più diffuse è che si tratti di un asset class intrinsecamente rischiosa. Eppure, se si guarda ai fondamentali, è la classe di attività meno rischiosa nell’universo dei mercati emergenti. Lo si legge in un report a cura di Wouter Van Overfelt, Head of Emerging Markets Corporates di Vontobel AM.
Gli investitori spesso temono la prospettiva che le aziende dei mercati emergenti possano essere inadempienti nei confronti delle loro obbligazioni, e quindi tendono ad essere più riluttanti a impegnarsi in finanziamenti a lungo termine. Poiché il rischio di insolvenza aumenta con il tempo e viene preso in considerazione dagli investitori, spiega il manager, le aziende non possono attrarre lo stesso finanziamento a lungo termine, a meno che non abbiano un sostegno statale o siano di ottima qualità creditizia. Di conseguenza, la durata delle obbligazioni societarie è inferiore a quella dei titoli di Stato.

I titoli di Stato dei mercati emergenti tendono ad essere più sensibili alle variazioni dei tassi d’interesse rispetto alle imprese dei mercati emergenti a causa della maggiore durata. Ciò è in diretta opposizione a quante persone considerano il debito dei mercati emergenti, in quanto è opinione comune che le emissioni sovrane siano meno volatili di quelle societarie imprese all’interno del proprio paese (come spesso accade nei mercati sviluppati). Inoltre, la qualità del credito investment grade nei mercati emergenti è spesso di gran lunga migliore di quanto implichi il rating, in quanto spesso è limitata dal rating sovrano del paese in cui risiede.

La Cina un caso interessante

Ci sono diverse società cinesi che emettono obbligazioni a brevissimo termine, che di solito non sono incluse nel benchmark e che altrimenti andrebbero perse per un investitore. Queste, rimarca Wouter Van Overfelt, possono anche essere obbligazioni emesse dalle stesse società, con le stesse condizioni, ma semplicemente con una scadenza più breve. La Cina offre anche una serie di altre opportunità, in quanto il volume di emissione dal Paese è molto più elevato rispetto a molti altri mercati.
Negli ultimi 12 mesi, si è prestata molta attenzione ai negoziati commerciali in corso tra gli Stati Uniti e la Cina. Si tratta molto probabilmente di una questione a lungo termine che non sarà risolta con il solo accordo della Fase Uno.
È qui che il valore della costruzione e della diversificazione del portafoglio diventa sempre più importante. Non detenendo una singola posizione che domina il portafoglio, si evita uno shock significativo da qualsiasi evento del cigno nero. La realtà è che molto dell’investimento consiste nel bilanciare i rischi e nel fare del proprio meglio per ribaltare le probabilità a proprio favore.
Un buon esempio è l’escalation del Coronavirus all’inizio dell’anno. I mercati azionari sono stati scossi dall’improvviso aumento dei casi e dalla rapidità con cui si è diffuso. L’anno scorso si trattava solo di tassi d’interesse, poiché gli investitori erano spaventati dalla prospettiva di una Fed più “falco”. Come si è scoperto, la Fed si è dimostrata molto più “colomba” e ha iniziato a tagliare i tassi, il che si è rivelato una manna per i mercati emergenti.

Perché buttare un occhio agli emergenti

I mercati emergenti sono diventati un asset class sempre più matura, e la dimensione del segmento del reddito fisso, in particolare, è ora significativa con circa 2,5 trilioni di dollari, più grande anche del mercato statunitense ad alto rendimento.
Ha senso investire nel reddito fisso dei mercati emergenti come parte di qualsiasi allocazione strategica, Wouter Van Overfelt prevede che la crescita della classe di attività continui e, poiché contribuisce maggiormente al PIL globale, sarebbe anche naturale che il mercato del debito diventasse sempre più sofisticato.
La preoccupazione costante è sempre che i mercati emergenti tendano ad essere più inclini ai titoli di giornale e al rischio politico; e c’è certamente più spazio per una reazione eccessiva rispetto alle loro controparti sviluppate.
In Messico, ad esempio, quando nel 2018 il neoeletto presidente Obrador ha dichiarato che avrebbe annullato la costruzione di un aeroporto internazionale nonostante il debito fosse stato alzato per finanziare il progetto. Dopo la successiva perdita di un voto referendario, il governo ha annunciato un riacquisto di obbligazioni nel dicembre dello stesso anno ad un minimo di 90 dollari; abbiamo comprato le obbligazioni a 85 dollari e le abbiamo vendute meno di due settimane dopo per 91,5 dollari. Tenere i nervi saldi e comprendere il contesto del mercato locale paga i dividendi.