1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Bce: dal 2021 ok (condizionato?) a dividendi banche. L’attenti di Mersch: alcune hanno outlook troppo roseo sul capitale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’alt alla distribuzione dei dividendi agli azionisti delle banche dell’Eurozona, imposto a marzo dalla Bce, avrebbe i giorni contati: lo ha lasciato intendere, in un’intervista rilasciata al Financial Times, il vice presidente del board di vigilanza della Bce, Yves Mersch.  Mersch ha fatto capire tuttavia che lo stop al congelamento delle cedole non necessariamente corrisponderà al desiderio della banca centrale di agire in tal senso.

Yves Mersch, vice presidente della Vigilanza della Bcem avverte su stop al congelamento dei dividendi per le banche dell'area euro
FRANKFURT, GERMANY – SEPTEMBER 17 : Yves Mersch, member of the executive board of the European Central Bank speaks during a press conference on new 100 and 200 Euro banknotes at ECB headquarters in Frankfurt, Germany on September 17, 2018. New security features would make new banknotes harder to counterfeit as they will be released to the market on March 28 in 2019. (Photo by Abdulselam Durdak/Anadolu Agency/Getty Images)

Piuttosto, l’autorità di vigilanza dovrà capitolare anche per motivi legali, e ancheper allinearsi a quanto faranno banche centrali come Bank of England e Federal Reserve (quest’ultima non ha però mai imposto uno stop totale  all’erogazione delle cedole), propense ad allentare le restrizioni imposte al settore bancario.
Il risultato è che le banche dell’Eurozona potranno tornare a erogare i dividendi a partire dal prossimo anno, ma con un se: dovranno riuscire a convincere le autorità di vigilanza che i loro bilanci siano sufficientemente solidi da riuscire a contrastare gli effetti economici e finanziari provocati dalla pandemia del coronavirus.
Mersch non ha nascosto di avere qualche timore, a tal proposito. L’eventuale via libera alle cedole “dipenderà dalla prudenza dei modelli interni delle banche, dalla prudenza adottata nell’effettuare gli accantonamenti e dall’eventuale solido outlook sulla traiettoria di capitale”, ha detto.
Il bando ai dividendi è stato deciso dalla Vigilanza della Bce a marzo, quando la gravità della pandemia da COVID-19 si è presentata agli occhi di tutto il mondo. A quel punto Francoforte ha raccomandato alle banche dell’area euro di sospendere l’erogazione di dividendi e le operazioni di buyback. Motivo: liberare capitali, per canalizzarli in prestiti a favore dell’economia azzoppata dalla crisi  dunque a favore di aziende e famiglie assetate di liquidità.
Niente dividendi relativi al 2019 e al 2020, ha precisato l’Autorità di Vigilanza della banca centrale europea capitanata da Andrea Enria, inizialmente fino al 1° ottobre di quest’anno. Raccomandazione immediatamente recepita dagli istituti. E raccomandazione che è stata poi estesa a tutto il 2020.

Bce, Mersch su dividendi: outlook alcune banche molto roseo

Prossimo a ritirarsi dalla carica che ricopre nel board esecutivo della Bce, Mersch ha lanciato più di un avvertimento alla stessa Vigilanza, invitandola a non abbassare la guardia.
La vigilanza, a suo avviso, dovrebbe essere infatti “molto prudente” nel permettere che “l’erogazione delle cedole venga ripristinata ai livelli precedenti la pandemia”. Questo, ha precisato, “non significa che dovremo a  mantenere il divieto assoluto a tutti i costi”, visto che il bando provoca anche “una incertezza legale”, dal momento “che abbiamo un solo strumento di imposizione nella nostra regolamentazione, che è basato su un approccio caso per caso“.
Il punto è che, nell’area euro, ci sono ancora alcune banche che adottano “scenari molto rosei” nei loro modelli interni, che calcolano il loro fabbisogno di capitale.
Certo, ha ammesso Mersch, le banche sono entrate nella fase della pandemia con “requisiti patrimoniali più forti” rispetto a quelli della crisi finanziaria del 2008.
Ma sarebbe “un po’ sorprendente o pretestuoso” finanziare l’erogazione delle cedole ai loro azionisti ricorrendo a quegli allentamenti delle regole sui capitali che sono stati concessi dalla vigilanza.
Alcuni paesi come Svizzera e Svezia hanno già indicato òa volontà di consentire di nuovo alle banche di tornare a erogare i dividendi a partire dal 2021, mentre la Federal Reserve e la Bank of England devono prendere ancora una decisione.
Come ricorda il Financial Times, una decisione sui dividendi delle banche da parte della Bce sarà annunciata solo a seguito della pubblicazione, da parte dell’istituzione, delle nuove stime sull’economia, che avverrà il prossimo 10 dicembre.

Ceo di banca all’FT: stretti i rubinetti credito per ok Bce a dividendi

Il numero uno di una grande banca dell’Eurozona, che ha parlato in condizioni di anonimato, ha ammesso che il proprio istituto  ha iniziato a stringere i rubinetti del credito, al fine di conservare capitale e ottenere così il via libera alla distribuzione dei dividendi da parte delle autorità di vigilanza.
Il ceo ha aggiunto che la Bce rischia di creare “uno stigma” a carico di qualsiasi istituto a cui decidesse di impedire di ripristinare l’erogazione delle cedole.
Ma Carolyn Rogers, segretario generale della commissione di vigilanza di Basilea, ha avvertito di recente che è troppo presto per le banche “cantare vittoria” riguardo alla risposta che hanno dato all’emergenza economica e sanitaria del coronavirus, sottolineando che la distribuzione dei dividendi dovrebbe continuare a essere vietata almeno fino a quando non sarà chiaro l’impatto economico e finanziario di lungo termine provocato dalla pandemia.