1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Mondo ›› 

Stagione delle trimestrali Usa: cosa attendersi? Con i conti di JPMorgan entra nel vivo la stagione delle banche Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
La stagione delle trimestrali entra nel vivo questa settimana con i risultati finanziari delle cinque maggiori banche statunitensi (JPMorgan, Wells Fargo, Bank of America, Citigroup e Goldman Sachs). Se la prima ad aprire le danze è JPMorgan che comunicherà oggi i conti del terzo trimestre 2015, l’ultima ad annunciare i risultati del trimestre sarà Morgan Stanley. Al centro dei riflettori non ci sarà solo il comparto finanziario, ma anche altri colossi della corporate America, tra cui Johnson & Johnson e General Electric
Alla vigilia di questa nuova tornata di trimestrali in arrivo dagli States la domanda è una: come andrà quest’earnings season? Tra gli operatori, al momento, non prevale certo l’ottimismo. Anzi, le attese sono di un calo degli utili
“Questa settimana la stagione delle trimestrali americane entrerà nel vivo, con i colossi bancari (JPMorgan, Bank of America, Wells Fargo, Goldman Sachs, Citigroup), industriali (J&J, GE) e tecnologici (Netflix, Intel, Honeywell). L’attenzione degli investitori si concentrerà quindi sull’andamento dei risultati aziendali e soprattutto delle guidance per i prossimi trimestri. Le attese degli analisti sull’S&P 500 puntano a un calo degli utili del 7,2% anno su anno (-0,3% ex energy) nel terzo trimestre e un calo del 2% nel quarto trimestre (+3,5% ex energy)”. Questo il commento di Alberto Biolzi, responsabile advisory di Cassa Lombarda sulle attese per i mercati questa settimana, con particolare attenzione rivolta alle trimestrali dei colossi Usa. 
I protagonisti della settimana: il mondo bancario in primo piano
JPMorgan, la maggiore banca Usa per asset, presenterà i risultati del terzo trimestre nel pomeriggio italiano, prima dell’avvio delle contrattazioni a Wall Street. Secondo le previsioni Thomson Reuters l’istituto dovrebbe registrare utili per 5,2 miliardi di dollari, ossia 1,38 dollari ad azione, su ricavi per 23,7 miliardi. Dati che si raffrontano con gli utili di 5,1 miliardi e un fatturato di 25,2 miliardi conseguiti nell’analogo periodo nel 2014. 
Nei prossimi giorni sono attesi i conti di Bank of America e Wells Fargo (mercoledì 14 ottobre); quelli di Goldman Sachs e Citigroup (giovedì 15 ottobre). I numeri trimestrali di Morgan Stanley saranno presentati il 19 ottobre. 
In settimana arriveranno anche i risultati di
– Johnson & Johnson e Intel (13 ottobre);
– BlackRock, Delta Air Lines e Netflix (14 ottobre);
– Advanced Micro Devices, Mattel, Philip Morris International e Schlumberger (15 ottobre);
– General Electric e  Honeywell International (16 ottobre).