1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Mondo ›› 

Netflix vola (+19%) dopo risultati migliori delle attese. In arrivo servizio di scaricamento offline

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Risultati ampiamente migliori delle attese degli analsiti per Netflix che nella sessione after hours di Wall Street ha segnato un balzo prossimo ai 20 punti percentuali.
Il gruppo specializzato nella fornitura di contenuti televisivi via internet ha registrato utili pari a 51,5 milioni di dollari, 12 centesimi ad azione, dato che si raffronta ai 29 milioni, o 7 centesimi ad azione, del corrispondente periodo dell’anno passato. I ricavi si sono attestati a quota 2,29 miliardi rispetto ai 2,1 miliardi di dollari dell’anno passato, superando i 2,28 miliardi stimati dagli analisti.

Negli Stati Uniti, il mercato principale della società, si sono registrate 370.000 nuove utenze. Contando anche i numeri del mercato estero, che pesano per circa il 40% del fatturato complessivo, Netflix ha toccato un numero di sottoscrittori totali pari a 47,5 milioni di utenti, in netta crescita rispetto ai 43,2 milioni di utenti dell’anno passato.
E’ evidente che il successo tra gli utenti del modello proposto da Netflix, attivo anche nel mercato italiano. E stando alle ultime indiscrezioni arrivate da siti statunitensi specializzati in contenuti tecnologici, entro la fine del 2016 l’appeal per questo servizio potrebbe crescere ulteriormente. Netflix dovrebbe infatti essere in grado di mettere a disposizione dei propri utenti la possibilità di scaricare i contenuti, film e serie tv, in modo da poterli visionare anche “offline”.

I vantaggi di questo servizio sono evidenti e molteplici: da una parte attraverso l’offline sarà possibile scaricare il film preferito o una intera serie televisiva anche sul proprio tablet o smartphone per visionarlo liberamente anche in mobilità, in aereo o in treno. Inoltre con la nuova procedura anche chi non dispone di connessione a banda larga potrà scaricare contenuti in risoluzione “4K” e vederli successivamente sul proprio dispositivo preferito.
Una rivoluzione che prosegue e che mette seriamente a rischio i modelli di business di chi non si adegua a queste tecnologie, televisioni tradizionali in primis, che vedono erodersi le proprie quote di mercato a un tasso di velocità per certi versi inaspettato.