1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Jp Morgan accende i fari su Intesa SanPaolo, il titolo è “attraente”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Intesa SanPaolo finisce sotto i riflettori di Jp Morgan che conferma overweight sull’azione e, grazie alle plusvalenze 2010, stima un dividendo quasi raddoppiato a 0,15 euro per l’esercizio in corso con un rendimento del 5% per le ordinarie e del 7% per le risparmio. Secondo gli analisti della banca d’affari americana, Ca’ de Sass è una dei dieci peggiori performer tra le banche europee, visto che il titolo ha segnato un calo dell’11% in termini assoluti e del 15% da inizio anno. Mentre la recente performance negativa potrebbe essere attribuita alle preoccupazioni sul rischio sovrano italiano, spiega la nota di Jp Morgan, e al probabile ritardo del ciclo di normalizzazione dei tassi d’interesse (a cui Intesa è fortemente orientata), “a nostro avviso tali fattori non spiegano la prestazione peggiore della banca rispetto ai suoi competitor nazionali, in particolare rispetto a Unicredit che ha visto un recente recupero, anche per una differente reazione ai conti del quarto trimestre, che sono stati buoni per Intesa e senza le attese sorprese per piazza Cordusio”.


Per gli analisti il business di breve termine della banca guidata da Corrado Passera sarà supportato dalla stabilizzazione dell’euribor e dalla ripresa della crescita dei prestiti in alcuni segmenti sul mercato domestico. I catalizzatori per il prossimo trimestre saranno invece l’ipo di Fideuram e la prevista vendita di 200 sportelli che porterà 800 milioni-1 miliardo nelle casse del gruppo durante il secondo trimestre 2010. La banca d’affari statunitense si sofferma poi sulle due categorie di azioni di Ca’ de Sass, ordinarie e risparmio, giudicandole entrambe “attraenti”. Gli analisti spiegano che il differenziale si è ridotto dal 26% al 18%, ma scorgono un ulteriore potenziale affinché raggiunga il 7 8% (media storica degli ultimi 5 anni).

Sul fronte nomine ieri la Compagnia di San Paolo, primo azionista a cui spetta la nomina del presidente del Consiglio di Gestione di Intesa SanPaolo, ha deciso che proporrà Domenico Siniscalco alla guida del board di gestione di Ca’ de Sass. L’ex ministro dell’Economia pare quindi destinato a prendere il posto dell’attuale presidente Enrico Salza. A Piazza Affari il comparto bancario viaggia sotto la parità dopo la buona intonazione della vigilia, quando il settore è stato trainato al rialzo dalla pubblicazione dei conti sopra le attese da parte di Jp Morgan. Al momento Intesa cede lo 0,34%, Unicredit lo 0,55%, Banco Popolare lo 0,75% e Ubi Banca lo 0,67%. In controtendenza Mps che continua la sua risalita con un +0,94%.