Borse europee sottotono: attesa per i dati Usa. In Italia focus su asta, spread stabile

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 26/11/2013 - 09:56
Le principali Borse europee iniziano la seduta odierna con un atteggiamento cauto. Una prudenza diffusa in vista degli appuntamenti macroeconomici del pomeriggio negli Stati Uniti. "Crediamo che la maggior parte degli operatori sia in attesa dei dati macroeconomici odierni negli Stati Uniti, quelli sul settore immobiliare e sulla fiducia dei consumatori, prima di decidere quale posizione assumere sui mercati" afferma Filippo Diodovich, market strategist IG
Oltreoceano in uscita anche alcuni dati rilevanti per il settore immobiliare, come le nuove costruzioni abitative e i permessi edilizi di ottobre, oltre all'indice dei prezzi delle case riferito al mese di settembre. Alle 16 ora italiana verrà comunicato invece l'indice della fiducia dei consumatori statunitensi. Secondo il consensus Bloomberg il dato dovrebbe mostrare un miglioramento, attestandosi a 72,4 punti dai 71,2 punti della passata rilevazione. L'agenda delle trimestrali vede oggi in primo piano i conti di Hp e quelli di Tiffany

In Italia l'attenzione degli investitori si focalizzerà oggi sull'asta in programma alle 11 che dà il via al trittico di emissioni di fine mese. In mattinata il Tesoro italiano  offrirà Ctz a 24 mesi per 2,5-3 miliardi di euro. Mercoledì in agenda l'asta di Bot a 6 mesi che vedrà l'allocazione di 7 miliardi di euro. E infine il trittico di aste terminerà  giovedì 28 novembre con l'asta di Btp a medio-lungo termine
In attesa dei risultati lo spread Btp-Bund è stabile. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato decennali italiani e tedeschi viaggia poco sotto quota 235 punti base, sostanzialmente invariato dai 236 punti base registrati ieri in chiusura. Il rendimento del Btp decennale è al 4,072%.

Di fronte a questo scenario è la cautela a prevalere in Europa e in Italia, con i mercati azionari che sono contrastati: il Dax sale dello 0,6% a 9.306, mentre il Ftse 100 cede lo 0,11% a 6.687,5. In moderato calo il Cac40 che segna un -0,05% a 4300 punti. Volatilità protagonista a Piazza Affari: il Ftse Mib lascia sul terreno lo 0,34% a 18.720 punti, affossata dal brutto avvio di Mps che cede oltre il 5 per cento. Questa mattina si riunisce il consiglio di amministrazione della banca senese per discutere e deliberare "in merito ad operazioni sul capitale". 
I vertici di Mps avrebbero quindi deciso di accelerare sulla ricapitalizzazione per rimborsare l'anno prossimo buona parte dei 4,07 miliardi di euro di Monti Bond. Secondo indiscrezioni di stampa l'aumento dovrebbe essere pari a 3 miliardi di euro e sarà garantito da un numeroso consorzio bancario.
COMMENTA LA NOTIZIA