1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Wall Street: Nasdaq in corsa con rally +2,5%. Tornano buy su titoli FAANG. Analista: dubbio è se sia rimbalzo del gatto morto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tornano solidi gli acquisti sul Nasdaq, martoriato dai sell off nelle ultime sessioni: “Molti di questi titoli tecnologici versano ora in una condizione di ipervenduto nel breve termine. Dunque, non sorprende molto il fatto che stiano assistendo a un buon rimbalzo”, così commenta il trend dei mercati Matt Maley, responsabile strategist di mercato presso Miller Tabak: “la domanda è se questo sia un rimbalzo solido…o il rimbalzo del gatto morto, che non durerà alla fine molto”.

La ritirata dei tassi sui Treasuries permette comunque oggi al Nasdaq di riportare un solido rialzo, superiore a +2,5% a 12.938 punti. I tassi sui Treasuries decennali Usa scendono di oltre 6 punti base all’1,52%, dopo essere saliti fino all’1,62% alla vigilia.

Il Dow Jones sale di oltre 120 punti a 31.930 punti; lo S&P 500 avanza di oltre +1%, a 3.862 punti.

Ieri a Wall Street la rotazione dai titoli tecnologici ai ciclici è continuata: lo S&P 500 ha chiuso in ribasso di 20,72 punti (-0,54%) a 3821,23 punti, il Nasdaq ha ceduto 310,98 punti o 2,41% a 12.609.16, mentre il Dow Jones è salito di 306,21 punti (+0.97%) a 31.802,51 punti.

Oggi invece, dopo sessioni continue di ribassi che hanno colpito le Big Tech, si assiste a un forte recupero dei tecnologici, con Tesla che vola di oltre +6% e i buy che interessano Apple, Amazon, Microsoft, Netflix e Alphabet, ovvero del blocco FANG o FAANG.

Incide positivamente anche il commento di Cathie Wood di Ark Investment Management che, intervenuta nella trasmissione della Cnbc “Closing Bell” della vigilia, ha commentato il trend dell’azionario, confermando la sua fiducia in un “mercato toro che si sta rafforzando” e che “volgerà a nostro favore in un arco di tempo di più lungo termine”.

Cathie Wood ha parlato di “grandi opportunità” nate con il sell off, che permetteranno di acquistare diversi nomi nei fondi (Ark), che tendono a puntare su diversi titoli di società tecnologiche.