1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Quali titoli di Piazza Affari sono realmente a prova di shock, la lista dei top 40 guardando a cinque variabili quality

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Mercati  sempre alle prese con l’incognita Covid. Il rischio nuovo lockdown è sempre più concreto con la seconda ondata di contagi che diventa sempre più dirompente. In questo ambito come si comportano gli investitori? La maggior parte si sta posizionando nuovamente sui cosiddetti “safe asset”, che in ambito azionario si traducono in quei titoli “quality” che continuano a registrare nuovi massimi nonostante l’elevato posizionamento del mercato.
Mai come in questa fase storica le valutazioni e le previsioni degli analisti però sono altamente incerte, data l’unicità del momento e la poca visibilità a breve termine da parte delle società. Ma nonostante il contesto attuale, ci sono alcune società che mostrano fondamentali solidi e un interessante potenziale a medio-lungo termine.

Cinque variabili qualitative che fanno la differenza

A individuarle è Antonio Amendola, co-gestore di Italia ed Europa di AcomeA SGR, il quale ha analizzato una serie di società sulla base della loro resilienza e sostenibilità del business a nuovi ed improvvisi shock, come un potenziale lockdown dell’economia.
Dell’universo investibile italiano (escluso i finanziari) è stato generato un punteggio sulla base di variabili come il debito netto (escluso i leasing operativi), il ROE medio degli ultimi 5 anni, il Cash&Cash Equivalent rispetto al debito a breve termine, la performance da inizio anno e il  Roic/Wacc ratio (la capacità di avere una redditività superiore al costo del capitale).
Lo scopo è quindi quello di individuare (in prima battuta a livello quantitativo), le società che nonostante le performance, godono di una solidità finanziaria tale da poter resistere ad uno shock come quello di marzo 2020.

Le 40 società maggiormente resilienti

Ecco i primi 40 titoli che si piazzano meglio in base allo score:

Come possiamo vedere, la quasi totalità dei titoli tra le prime 40 posizioni sono Mid e Small Cap, caratterizzate da business con marginalità sostenibile, buona posizione di cassa e presenza internazionale. Inoltre, i titoli sopra evidenziati sono i più sensibili ad un “news flow” più costruttivo sia sul lato contagi che sul fronte vaccino.