1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Sui mercati gravano tre livelli di incertezza, sparata Trump su iniezione di disinfettante non aiuta

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I mercati hanno a che fare con tre livelli di incertezza. Lo afferma Paul Donovan, Global Chief Economist di UBS Wealth Management: “Incertezza sul virus. Incertezza sulla risposta politica e incertezza sulla risposta economica al virus e alla politica. I cambiamenti in uno di questi cambiano i risultati economici”. L’economista rimarca come le segnalazioni di scarsi risultati dei test per un possibile trattamento anti-Covid hanno in qualche modo indebolito i mercati e il suggerimento del presidente americano Trump di testare iniezioni di disinfettanti e di raggi ultravioletti per vedere se uccidono il coronavirus non hanno invertito questa tendenza”.

Effetto Gilead

Giornata negativa oggi per le Borse complice anche la bocciatura del farmaco antivirale di Gilead da parte dell’OMS. Il Financial Times, citando documenti che sono stati pubblicati accidentalmente dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha riferito che il farmaco remdesivir di Gilead Sciences non ha dato i risultati sperati, nel senso che non ha migliorato le condizioni dei pazienti affetti da coronavirus. Dal canto suo, Gilead ha notato che lo studio “è stato interrotto a causa della bassa partecipazione” alla sperimentazione e di conseguenza, non è stato possibile arrivare a conclusioni statistiche significative.
Venerdì scorso, Wall Street e le altre Borse era balzate in avanti in parte grazie a un rapporto secondo cui i pazienti COVID-19 in uno studio separato avevano risposto positivamente al farmaco remdesivir.

L’UE va avanti (adagio) sul recovery fund

Sul fronte delle risposte all’emergenza, ieri il Consiglio Europeo ha trovato un accordo per andare avanti con il Recovery Fund con la Commissione Europea chiamata a formulare una proposta dettagliata entro il 6 maggio . 
Evidentemente rimangono molte divisioni che gli analisti di MPS Capital Services sintetizzano in quattro punti:
1) ammontare risorse, e aumento bilancio UE per le garanzie;
2) modalità, ammontare e durata strumenti di finanziamento (recovery bond);
3) modalità e tempi di rimborso del fondo;
4) sulle modalità di divisione dei contributi e, soprattutto, tipologia di strumenti (trasferimenti a fondo perduto, prestiti da restituire, etc.).
Sui mercati la reazione è stata di un indebolimento della valuta unica e spread BTP-Bund tornato ad ampliarsi dopo il calo di ieri e aspettando il pronunciamento di stasera da parte di S&P sull’Italia.