1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Salvataggio Carige: banche pronte a sostegno d’urgenza con intervento in tandem con lo Stato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le banche dello Schema Volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi pronte a intervenire in prima persona nel delicato salvataggio di Banca Carige. Lo Schema Volontario ha detto no all’ipotesi di intervento sulla banca ligure “allo stato prospettata da un fondo di private equity”, ossia Apollo. Così si legge nella nota del Fondo interbancario al termine della riunione odierna sul dossier Carige. A sei mesi dal commissariamento da parte di Bce e dopo che Blackrock ha deciso di fare marcia indietro e l’azionista Vittorio Malacalza ha chiaramente espresso la sua contrarietà ai progetti del fondo Apollo, anche lo schema volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi dice no all’ipotesi di intervento su Carige prospettata da Apollo. L’offerta del fondo statunitense ritenuta inadeguata per la quantità di risorse che secondo indiscrezioni ammonta a poco più di un centinaio di milioni.

Il Fondo interbancario di tutela dei depositi, che lo scorso novembre ha sottoscritto un bond subordinato di Carige da 320 milioni, inoltre si dice pronto a intervenire “anche in tempi stretti” per valutare proposte di intervento che “prevedano la partecipazione degli attuali azionisti e di partners pubblici o privati”. Nel dettaglio avvierà “a partire da domani un’analisi approfondita degli assetti tecnici e organizzativi della banca, per definire il fabbisogno di capitale e le connesse proiezioni economico finanziarie pluriennali, idonee a sostenere un piano industriale efficace e credibile”.

Già da domani lo Schema volontario avvierà un’analisi approfondita degli aspetti tecnici e organizzativi della banca per definire il fabbisogno di capitale e le connesse proiezioni economico-finanziarie pluriennali, idonee a sostenere un piano industriale efficace e credibile.