1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Recovery Fund darebbe marcia in più all’UE, validità MES sale se tanti paesi lo richiederanno (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tiene banco l’eco di quanto emerso dall’Eurogruppo di giovedì con la forte polemica in Italia sul MES culminata ieri sera nelle parole del premier Giuseppe Conte che ha attaccato in diretta televisiva i leader dell’opposizione Matteo Salvini e Giorgia Meloni accusandoli di dire “falsità” per quanto riguarda l’attivazione del MES da parte dell’Italia.

In generale dall’Eurogruppo sono uscite tre misure, con un menù è più o meno conforme alle attese della vigilia: SURE da 100 miliardi di euro, Bei per garantire fino a 200 mld e MES per 240 mld senza condizioni, per le spese legate a legate a finanziamento per spese sanitarie dirette e indirette. “Naturalmente, non è scontato che i paesi ne facciano uso, in particolare l’Italia dove il MES è terreno di scontro in seno alla maggioranza – rimarca Giuseppe Sersale, Strategist di Anthilia Capital Partners Sgr – E’ comunque uno strumento in più, che dovrebbe aprire, se utilizzato, la strada all’OMT. La validità di questa soluzione dipende quindi dall’interpretazione del vincolo, e dal numero di paesi che ne richiederà l’utilizzo. Più sono, minore è il costo politico di servirsene”.

Il documento finale dell’Eurogruppo accenna poi all’intenzione di lavorare ad un “Recovery Fund” finanziato dal budget EU, per favorire la ripresa e assicurare solidarietà ai paesi più colpiti. Il Fondo sarebbe temporaneo e dimensionato per coprire i costi della crisi e spalmarne il finanziamento in un periodo di tempo. La discussione dei dettagli è demandata ai Leaders nel Consiglio Europeo previsto tra due settimane. “Quindi una forma di mutualizzazione del debito non è passata, ma non è del tutto esclusa. Ciò detto, è evidente che l’opposizione al joint debt è ancora assai robusta, nel Nord Europa. Questa ipotesi di lavoro del fondo è un potenziale plus”, argomenta Sersale. In generale, conclude l’esperto di Anthilia Capital Partners, abbiamo 540 miliardi di potenza di fuoco, di cui però 240 soggetti a richiesta non scontata (sicuramente non verranno utilizzati tutti), e potrebbe uscirne molto meno della metà.