1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Rebus Btp: tassi ai minimi da maggio 2018, ma grafico dello spread dice altro. Ecco cosa sta succedendo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Spread e tassi BTP sono due facce della stessa medaglia, ma non sempre i loro movimenti sono facili da decifrare. Rony Hamaui, professore presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e presidente di Intesa Sanpaolo ForValue, si chiede se gli italiani – dopo le tensioni dell’ultimo anno – abbiano realmente capito che se lo spread rimane persistentemente più alto, diventa una tassa occulta pesantissima, che presto o tardi dovranno pagare.  Di certo l’esperienza di 8 anni quando lo spread schizzò sopra i 500 pb e portò alla ‘cura Monti’ dovrebbe far riflettere circa l’importanza della fiducia del mercato nei confronti dell’Italia, di cui lo spread è semplicemente un termometro affidabile dell’umore degli investitori sull’Italia.
Guardando però il grafico dello spread e quello dei tassi Btp, emergono negli ultimi mesi delle dinamiche non simmetriche. Lo spread è sì sceso, nonostante l’Italia continui a duellare con l’Europa e le attese del mercato sono di un’estate e soprattutto un autunno bollenti sul fronte spread se il governo non scenderà a compromessi con Bruxelles, ma non in maniera così marcata come invece risulta per il livello dei tassi.

Il confronto con picchi di ottobre: tassi Btp scesi di ben 140 pb, spread della metà

Il famigerato differenziale di rendimento tra Btp e Bund viaggia a livelli relativamente tranquilli sui minimi a oltre un mese come ci tiene a puntualizzare l’economista euroscettico Claudio Borghi, braccio destro di Salvini e ideologo dei mini-bot. I livelli dello spread risultano ancora praticamente doppi rispetto a quelli di aprile 2018 quando ancora sui mercati non si era palesata l’ipotesi di un’alleanza di governo M5S-Lega.

Lo scorso ottobre le tensioni avevano raggiunto livelli di allerta con spread arrivato a 326 pb e rendimento del Btp a 10 anni schizzato fino al 3,68%. Ed è qui c’è si vede la prima grande discrepanza nel misurare l’appeal della carta italiana: se da un lato lo spread è sceso di quasi 70 punti base dai picchi dello scorso autunno, il livello dei rendimenti si è assottigliato in maniera ben più consistente, praticamente il doppio.
Infatti, ieri pomeriggio il tasso del Btp decennale è sceso sotto il 2,3% per la prima volta dal 22 maggio 2018 e in contrazione di quasi 140 punti dai picchi di ottobre. Indicazioni confortanti per i conti pubblici italiani in quanto è proprio dal livello dei tassi e non da quello dello spread che si va a calcolare il costo di rifinanziamento del debito. Quindi, ad oggi, l’Italia si trova nella situazione di poter spendere un po’ di meno rispetto al ‘salasso da spread’ più volte paventato nei mesi scorsi.
Lo sa bene il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, che recentemente parlando degli effetti negativi sull’economia delle tensioni sull’Italia, ha fatto riferimento ai “rendimenti delle obbligazioni pubbliche”, con 100 punti base più alti che determinano una riduzione del prodotto dello 0,7 per cento nell’arco di tre anni. Rendimenti, non spread.

C’è un però… in un anno è cambiato tutto. Ecco dove sono ora Spagna e Portogallo

A sparigliare le carte in tavola creando questa discrepanza tra andamento spread e quello dei tassi Btp è il cambio di rotta del mercato obbligazionario, con il rally di Treasury e bond governativi in generale in scia alla possibile svolta della Fed (attesi due tagli dei tassi nel 2019) e la stessa Bce che ha posticipato di altri sei mesi (non prima di metà 2020) l’eventuale data X per il primo rialzo dei tassi. Lo stop alla normalizzazione dei tassi da parte delle banche centrali ha spinto i rendimenti dei Bund tedeschi ai nuovi minimi storici, in area -0,25%, compensando quindi il movimento al ribasso dei tassi dei Btp.
Non c’è però da fare salti di gioia eccessivi perché, andando oltre al semplice confronto con i bond dei panzer tedeschi, il trend di altri paesi più simili a noi quali Spagna e Portogallo – per non parlare della Grecia – sono scesi con maggior vigore nello stesso periodo e viaggiano tutti ai livelli minimi storici. Se rispetto a poco più di un anno fa – ossia al 22 maggio 2018 – il tasso dei Btp è semplicemente tornato al punto di partenza, quello del Bund è sceso di oltre 50 pb, quelli spagnoli si sono più che dimezzati e quelli portoghesi sono passati dall’1,8% circa a 0,6%.

Un mondo a tassi negativi, tranne per l’Italia

In generale i bond globali a tassi negativi sfiorano il livello record di 12.000 miliardi di dollari che risale al giugno 2016 quando la massa dei bond sottozero raggiunse i 12.168 miliardi. Il controvalore delle obbligazioni negative era sceso fino ai 6mila miliardi lo scorso settembre. Ad oggi un quinto dei titoli sul mercato è sprofondando nelle sabbie mobili dei tassi negativi.
A spiegare in buona parte questo fenomeno è la liquidità record immessa dalle banche centrali che in questo 2019 si stanno mostrando nuovamente tutte improntate a una politica monetaria ultra-espansiva con la Federal Reserve che nei prossimi mesi potrebbe completare una inversione a U e tornare a tagliare i tassi.
Considerando l’attuale rendimento dei Btp italiani a 10 anni, al netto dell’inflazione (+0,9% a maggio in Italia) il rendimento reale risulta dell’1,4%, contro un rendimento reale negativo dell’1,6% del Bund dato in Germania l’inflazione è più sostenuta (+1,4%).

Il Tesoro all’incasso, in arrivo nuovo Btp 20 anni

Il contesto favorevole sul fronte tassi invoglia il ministero del Tesoro a sfruttare il momento e così come fatto nei primi 2 mesi dell’anno si appresta a piazzare un nuovo Btp. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha infatti affidato a Monte dei Paschi di Siena Capital Services Banca per le Imprese S.p.A, Morgan Stanley & Co Int. PLC, NatWest Markets PLC, Nomura Int e Société Générale Inv. Banking il mandato per il collocamento sindacato di un nuovo benchmark a 20 anni BTP – scadenza 1° marzo 2040. “La transazione sarà effettuata nel prossimo futuro, in relazione alle condizioni di mercato”, rimarca il MEF in una nota diramata ieri sera.
“E’ evidente che, alla gestione del debito pubblico, giudicano attraenti questi livelli, e vogliono giustamente approfittare un po’ della domanda rigogliosa”, rimarca Giuseppe Sersale, Strategist di Anthilia Capital Partners Sgr.
La nuova emissione in arrivo, insieme alle tensioni sul fronte Ue con le dure parole di Juncker, hanno portato questa mattina a un allargamento dello spread Btp-Bund a 263 pb. Oggi intanto l’asta di Bot annuali, la prima del mese di giugno, ha visto l’allocazione di titoli a un anno per 6,5 miliardi di euro al tasso dello 0,069%, in flessione di 5 punti base rispetto all’asta di Bot di analoga durata tenuta il mese scorso. Solida la domanda che ha sfiorato quota 10 miliardi (9,99 miliardi di euro), con un bid-to-cover (rapporto di copertura) di 1,54. Già domani si replica con l’assegnazione di Btp a 3, 7 e 15 anni per massimi 6,5 miliardi.