1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Prove di rimbalzo per gli indici europei. DAX prosegue nel canale laterale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apertura positiva per gli indici europei che guadagnano circa l’1%. A sostenere gli scambi sono le speranze dell’arrivo del vaccino anti-Covid, dopo l’approvazione, oltre che dall’FDA, anche da parte del direttore del CDC (Centers for Disease Control and Prevention – agenzia federale degli Stati Uniti) Robert Redfield. Negli Stati Uniti, un centinaio di milioni di americani potrebbero dunque essere vaccinati contro il Covid entro marzo. Intanto Londra e Bruxelles hanno deciso di proseguire i colloqui nel tentativo di trovare un accordo commerciale post-Brexit ed evitare lo scenario di no-deal.
La seduta parte positiva anche spinta dai dati macro provenienti dal Giappone. Diffuso infatti il rapporto Tankan stilato dalla Bank of Japan e relativo al quarto trimestre del 2020. Dal report, emerge che la fiducia delle aziende giapponesi è migliorata per il secondo trimestre consecutivo. Tuttavia, le imprese hanno ridimensionato i loro piani di spese in conto capitale, con quelle più grandi che prevedono di tagliare le spese dell’1,2% in questo anno fiscale che terminerà il prossimo marzo del 2021. Reso noto in Giappone anche il dato relativo alla produzione industriale che, nel mese di ottobre, è salito del 4% su base mensile, rispetto al +3,9% precedente. E’ quanto emerge dalla lettura finale del dato, rivisto al rialzo rispetto al +3,8% inizialmente reso noto.

Ricordiamo infine che questa settimana è densa di appuntamenti macroeconomici importanti ed eventi a partire dal meeting FED di mercoledì, a cui seguiranno anche quelli della Banca Centrale inglese e giapponese.

Ftse Mib: l’indice tenta il rimbalzo dopo le prese di profitto. Resistenza di breve a 22.000 punti

 
Dopo una fase correttiva con struttura A-B-C l’indice italiano cerca il rimbalzo. I livelli più importanti da monitorare rimangono però gli stessi. Al rialzo solo il break di 22.334 punti darà un segnale di recupero di forza con target a salire verso 22.500 e 23.000 punti. Al ribasso invece il supporto chiave è collocato a 21.155 punti dove troviamo il 61,8% di Fibonacci di tutto il down trend avviato a fine febbraio 2020.
Per quanto riguarda invece l’operatività di breve termine (time frame grafico 15 minuti), in caso di rottura del supporto a 21.800 punti, l’indice metterebbe nel mirino 21.700 e 21.600 punti. Al rialzo invece meglio attendere il break di 22.000 punti con obiettivo a 22.200 punti.

Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Long UniCredit ISIN DE000HV4HFD5 con leva 7,25 volte e strike a 20063,46995 punti, oppure ISIN DE000HV4HJB1 con leva 9,17 volte e strike 21049,523371 punti.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End Short UniCredit ISIN DE000HV4CJ90 con leva 9,64 volte e strike a 23844,610156 punti.

DAX: prosegue la fase laterale tra 13.000 e 13.460 punti


Il DAX presenta dei livelli operativi di medio termine molto chiari. Infatti, l’indice tedesco ormai da un mese oscilla tra la resistenza statica collocata a 13.460 punti e il supporto chiave a 13.000 punti. Questi i livelli da monitorare per avere indicazioni in termine di sentiment più importanti.

In ottica di breve termine (time frame 15 minuti) invece l’operatività potrebbe guardare al supporto a 13.164 punti. In caso di break i prezzi potrebbero proseguire verso 13.100 e 13.000 punti. Al rialzo invece il break della trend ribassista di brevissimo periodo e della resistenza a 13.250 punti dovrebbe permettere all’indice di mettere nel mirino 13.300 e 13.400 punti.
Per chi volesse operare Long a leva, potrebbe considerare il Turbo Open End UniCredit l’ISIN DE000HV4FAN9 con leva 7,63 volte e strike 11437,734127 punti, oppure ISIN DE000HV4HJH8 con leva 15,12 volte e strike 12280,127658 punti.
Per chi volesse operare Short a leva, potrebbe considerare i Turbo Open End UniCredit ISIN DE000HV47HR6 con leva 13,45 volte e strike a 14046,677225 punti.