1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Merkel pronta ad abdicare dopo tracollo CDU in Assia, euro sbanda

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le elezioni in Assia potrebbero aver sancito la fine dell’era Merkel alla guida della CDU. Il partito della cancelliera tedesca ha subito una cocente batosta di ieri con consensi in calo di oltre l’11% rispetto al 2013. Per la Cdu si tratta del peggiore risultato dal lontano 1962 e Angela Merkel sarebbe pronta a rinunciare alla candidatura alla presidenza della Cdu a dicembre. Riscontri elettorali in Assia che confermano quanto emerso nelle scorse settimane anche nelle elezioni in Baviera con consensi in forte calo anche per il Partito Social Democratico (SPD), partner di coalizione al governo, mentre crescono i consensi per i Verdi arrivati al 20%.

 

Euro nervoso

Indicazioni che contribuiscono alla debolezza dell’euro sul mercato valutario. Il cross euro dollaro si è spinto fino a un minimo a oltre due mesi a 1,1361 per poi risalire sopra 1,14 alla notizia che la Merkel non intende comunque lasciare la guida del governo. Sulla moneta unica pesa anche la contemporanea forza del dollaro Usa che venerdì si è giovato dei dati sul Pil, cresciuto più del previsto nel terzo trimestre (+3,5% annualizzato, prima lettura flash).

I risultati provvisori dell’ufficio statistico mostrano che la CDU ha ottenuto il 27% dei voti, in calo dell’11,3% rispetto alle ultime elezioni del 2013 e che segna il peggior risultato per il partito in Assia dal 1962. L’SPD ha invece visto il suo sostegno scendere dal 30,7 per cento nel 2013 al 19,8 per cento dei voti.  I Verdi balzano dall’11,1% al 19,7%, mentre l’AfD si attesta al 13,2 per cento dei voti, triplicando la quota di voti del 2013.

Merkel non intende lasciare guida governo

Angela Merkel non si dovrebbe quindi ricandidare alla presidenza del suo partito come riporta oggi Spiegel nella sua edizione online. Secondo i suoi piani originali, la cancelliera voleva partecipare nuovamente al congresso del partito ad Amburgo a dicembre, ma ora trae le conseguenze dalla tendenza al ribasso dei consensi elettorali.

Fonti del partito riferiscono la volontà della Merkel di rimanere alla guida del governo in modo da scongiurare un ritorno alle urne, anche se in passato la stessa cancelliera aveva sempre sottolineato che la presidenza del partito e la guida dal governo fossero collegate.

Possibili contendenti per la presidenza del partito, stando a quanto riporta sempre Spiegel, sarebbero il segretario generale della CDU, Annegret Kramp-Karrenbauer, il ministro della Sanità Jens Spahn e il primo ministro del Nord Reno-Westfalia, Armin Laschet. Secondo quanto riferito da “Bild” un altro possibile candidato forte è Friedrich Merz, già presidente del partito agli inizi dello scorso decennio (2000-2002) e da dieci anni fuori dalla scena politica.

 

(notizia aggiornata alle 12:00)