1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Mediaset multata da Antitrust insieme a Sky per diritti calcio: analisti valutano impatto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

51,4 milioni di euro di sanzione quelli inflitti dall‘Antitrust a Mediaset relativamente all’asta dei diritti di calcio della serie A per la stagione 2015-2018. La sentenza non ha lasciato impunite neppure gli altri attori implicati nella vicenda: la Lega Calcio, a cui è stata comminata una sanzione di 2 milioni di euro, Sky per 4 milioni ed Infront per complessivi 9 milioni di euro. 

 

Secondo l’Autorità che vigila sulla concorrenza del mercato l’asta per i diritti del campionato di calcio italiano nel periodo 2015-18 si sarebbe trasformata in una vera e propria spartizione: digitale terrestre a Mediaset Premium-Rti, e satellite al gruppo guidato da Murdoch. Un accordo che avrebbe di fatto tagliato fuori dalla partita altri operatori interessati ad entrare sul mercato italiano, con conseguenze tangibili anche sul prezzo degli abbonamenti venduti ai consumatori finali.

Secondo Mediaset la decisione dell’Antitrust è fondata su unteorema privo di qualsiasi riscontro probatorio preannunciando un inevitabilericorso con istanza urgente di sospensiva. Cologno Monzese ha sottolineato come non si comprenda la disparità di trattamento fra i diversi soggetti coinvolti mettendo inoltre in risalto come l’accordo abbia evitato che un solo soggetto avesse tutti i diritti televisivi per diffondere il segnale relativo alle partite di serie A.

Secondo gli analisti di Equita l’impatto della multa è valutabile in circa l’1% della market cap (capitalizzazione di mercato) del titolo. “Ma sugli utili 2016 l’impatto sarebbe del  44% e potrebbe impattare sull’incremento del DPS (dividendo per azione, ndr) atteso a 9 centesimi (93% di payout)”. Il report odierno a firma Stefano Gamberini ribadisce comunque il rating “buy” (acquistare) sull’azione del Biscione con target price(prezzo obiettivo) fissato a 4,1 euro per azione.

Giudizio molto simile anche da parte di Icbpi che in un report odierno sottolinea come la decisione dell’Antitrust “sorprenda in negativo per l’entità della multa e la differenza rispetto a quella comminata a Sky. L’impatto massimo sulla capitalizzazione di mercato (circa 1%) non sposta il nostro giudizio sul titolo”.

Secondo la stampa nazionale, infine, le procedure d’assegnazione tramite asta ora previste dal decreto Melandri potrebbero essere presto messe sotto discussione. Una riforma è definita come “auspicabile” proprio dall’Antitrust che al momento vigila esclusivamente sulla correttezza del bando, ma non entra in merito sull’esito dell’asta stessa.

Mediaset a Piazza Affari questa mattina lascia sul terreno circa lo 0,9% rispetto alla vigilia scambiando in area 3,942 euro.