Notizie trading L’investimento è un’attività influenzata da emozioni e bias. La psicologia del trading e la sua importanza

L’investimento è un’attività influenzata da emozioni e bias. La psicologia del trading e la sua importanza

Il mercato azionario può avere la meglio sulle nostre emozioni e per questo motivo è importante migliorare la propria psicologia per aumentare la performance nel trading. In questo approfondimento vedremo le emozioni e bias che influenzano le nostre decisioni di investimento.

Investire è un’attività guidata fortemente dalle emozioni. Ad esempio, quando le criptovalute sono diventate un asset mainstream, dozzine di investitori dai principianti ai più esperti si sono riversati nel mercato per la paura “di perdere il treno”, un concetto descritto nella psicologia sociale come l’effetto carrozzone.
Per anni, emozioni come paura, felicità, rabbia e avidità si sono presentate sul mercato e le emozioni possono influenzare sia positivamente, ma anche negativamente il processo decisionale di un investitore, determinando quindi il successo o fallimento dell’investimento stesso.
A tal proposito, gli analisti di BG Saxo osservano che la capacità di autoconsapevolezza è uno dei modi migliori per contrastare le emozioni o quei comportamenti che condizionano negativamente la capacità di prendere buone decisioni di investimento.

Cos’è la psicologia del trading e perché è importante?

La psicologia del trading si riferisce allo stato emotivo e mentale di un investitore mentre effettua investimenti nel mercato azionario, ma si riferisce anche allo stato emotivo dell’investitore quando entra ed esce da una piattaforma di trading. Nonostante ogni investitore sia diverso dall’altro, le emozioni sono uguali per tutti e quelle associate alla psicologia del trading includono l’avidità, la paura e il rimpianto. Ma non solo, anche le emozioni positive come la fiducia e l’orgoglio possono condizionare l’investitore quando si ottiene un grosso profitto o si subisce una perdita pesante.

Ad esempio, l’avidità può distrarre la tua razionalità e questo desiderio di ricchezza può innescare investimenti irrazionali, in cui ad esempio si effettuano operazioni ad alto rischio o si acquistano azioni senza condurre prima un’adeguata analisi fondamentale e tecnica. In tal senso l’analisi fondamentale significa guardare i dati di bilancio e all’economia nel suo complesso per valutare il valore di un’azione, mentre l’analisi tecnica si serve di vari indicatori e strumenti per individuare la tendenza di un mercato (trend) e costruire diversi ipotetici scenari sull’evoluzione di esso, guardando quindi i movimenti del prezzo e del volume.
Allo stesso modo, la paura è un’emozione irresistibile che può farti uscire dai mercati troppo presto. Gli investitori possono anche astenersi dal correre rischi a causa di problemi di perdita. La paura a volte può trasformarsi in panico, che fa scendere il prezzo di un titolo senza un’analisi ragionata.
Anche le emozioni positive come la fiducia possono avere implicazioni negative quando non è equilibrata e raggiunge livelli estremi. Ad esempio, un concetto nella finanza comportamentale è l’auto-attribuzione. Si riferisce alla tendenza di un investitore a decidere in base all’eccessiva fiducia in se stessi e nelle proprie capacità. L’eccessiva fiducia, non solo in se stessi, ma anche in un particolare mercato può portare a pesanti perdite se gli investitori aspettano troppo a lungo, pensando che il mercato tornerà a crescere.

Distorsioni di investimento

Non sono solo le tue emozioni che possono influenzare l’attività di investimento, ma i pregiudizi innati che potresti non renderti conto di avere. I pregiudizi (bias) possono influenzare gli investimenti poiché sono spesso predeterminati e possono anche comportare che gli investitori agiscano in base a un sentimento istintivo piuttosto che condurre un’analisi razionale. Ci sono molti bias cognitivi che se notati possono essere superati in modo rapido ed efficiente. Alcuni esempi sono: l’errore del giocatore, bias di conferma, bias rappresentativo e bias dello status quo.

L’errore del giocatore d’azzardo

L’errore del giocatore d’azzardo è un bias secondo cui un individuo crede che la probabilità che qualcosa accada aumenti o diminuisca se un evento o un processo si ripete. Diciamo che un investitore continua ad aumentare la propria posizione in un’azione nonostante abbia assistito a perdite ripetute e crescenti se l’investitore ritiene che il prezzo delle azioni molto probabilmente cambierà direzione man mano che le perdite continueranno ad aumentare. Ma questa mentalità non è corretta in quanto ogni evento è indipendente e non esiste alcuna correlazione tra eventi passati e presenti.

Bias di conferma

Un altro bias cognitivo comune è quello di conferma, ovvero in cui cerchi, credi o favorisci informazioni che supportano/confermano le tue convinzioni pre-formulate. Gli investitori possono anche ignorare intenzionalmente le informazioni che contraddicono questi valori e convinzioni. Ad esempio, se sei deciso ad acquisire azioni di una società, come Tesla, Amazon o Alphabet, potresti ignorare le notizie sfavorevoli sui rapporti trimestrali di quella particolare società, e in questo modo stai commettendo una forma di pregiudizio di conferma.

Bias rappresentativo

Se stai ripetendo gli investimenti perché in precedenza ti hanno portato al successo, questo è un esempio di pregiudizio rappresentativo. Un altro esempio è se ritieni che un investimento sia buono o cattivo in base alle performance passate di un’azienda. Supponiamo che un’azienda in cui hai investito rilasci un forte rapporto sugli utili, allora presumi che il prossimo rapporto sui guadagni sarà altrettanto valido, ma, come ora sai attraverso l’errore del giocatore d’azzardo, gli eventi passati non cambiano la probabilità che determinati eventi si verifichino in futuro.
Il futuro è imprevedibile per definizione!

Bias dello status quo

Come il bias rappresentativo, il bias dello status quo significa che stai conducendo vecchi investimenti o utilizzando vecchie strategie piuttosto che esplorare nuove opzioni. Se utilizzi vecchi metodi per eseguire nuovi investimenti, potresti essere accecato dalle tue percezioni e non riuscire a riconoscere che il mercato è cambiato e le tue vecchie strategie non sono praticabili.