1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

I quattro libri consigliati da Warren Buffett per imparare a investire

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Imparare a investire da un libro, anzi da quattro. Sono quelli che negli anni ha consigliato nientedimeno che  Warren Buffett, ceo di Berkshire Hathaway e guru degli investimenti. L’emittente Cnbc racconta che qualche anno fa, a una cena, Trey Lockerbie, fondatore e amministratore delegato della società Better Booch, ha incontrato il miliardario Warren Buffett e ha colto l’occasione per fargli alcune domande sull’investimento. Lockerbie, che all’epoca era un avido trader di opzioni  ha chiesto a Buffett se i libri di Benjamin Graham, che è stato il mentore dell’oracolo di Ohama, fossero un po’ superati. Graham scrisse “Analisi della sicurezza” nel 1934 e “Investitore intelligente” nel 1949.
Buffett ha utilizzato la stessa strategia di investimento insegnata da Graham per decenni. Così ha suggerito a Lockerbie di rileggere i libri di Graham e di concentrarsi sui capitoli sulla psicologia dell’investimento, ha detto Lockerbie. Inoltre, Buffett ha consigliato a Lockerbie di leggere due libri del defunto commentatore economico George Goodman, che ha scritto con lo pseudonimo di “Adam Smith”. Ecco i libri che Lockerbie ha detto di essergli stati consigliati da Buffett.

I quattro libri prediletti di Buffett

I libri di Graham: “Security Analysis” scritto da Benjamin Graham, il padre dell’investimento Value, e da David Dodd, mette in evidenza le basi dell’investimento Value, dell’acquisto di azioni e della loro detenzione per un lungo periodo di tempo. Il libro ha avuto un grande impatto su Buffett – infatti, dopo aver scoperto che Graham e Dodd insegnavano alla Columbia University, Buffett ha contattato Dodd e ha chiesto di essere ammesso alle lezioni;
C’è poi “Investitore intelligente”, sempre di Graham e consigliato da Buffett innumerevoli volte. “La mia vita finanziaria è cambiata con l’acquisto [di “Investitore intelligente”]”, ha scritto Buffett nella sua lettera del 2013 agli azionisti di Berkshire Hathaway. “Le idee di Ben sono state spiegate in modo logico in una prosa elegante e di facile comprensione”.  Il libro offre una profonda full immersion nel processo del value investing. “Di tutti gli investimenti che ho fatto, l’acquisto del libro di Ben è stato il migliore, ha detto Buffett nel 2013.
I libri di Goodman (alias Smith): “Il gioco dei soldi”, ‘The Money Game’, è stato incredibilmente perspicace, ha detto Buffett al The Wall Street Journal nel 2014. In “The Money Game”, pubblicato nel 1968, Goodman sosteneva che il mercato azionario doveva essere visto come un gioco e scriveva della frenesia di Wall Street negli anni ’60 come esempio.
“Sapeva come mettere il dito su cose che nessuno aveva mai identificato prima. Goodman si è attenuto ai fatti, ma li ha resi molto più interessanti”, ha detto Buffett. “Supermoney”, pubblicato nel 1972,  mette in evidenza il mercato azionario degli anni ’70 e addirittura traccia i profili dello stesso Buffett.
“In questo libro, Adam Smith dice che mi piacciono le metafore del baseball. Ha ragione“, ha scritto Buffett in una prefazione del libro.