Notizie Notizie Mondo Ford taglia le perdite nel primo trimestre 2007

Ford taglia le perdite nel primo trimestre 2007

Il turnaround del gruppo Ford prosegue e inizia a dare i primi segnali positivi. Il gruppo automobilistico di Detroit ha chiuso il primo trimestre del 2007 con un risultato netto negativo per 282 milioni di dollari pari a 0,15 centesimi per azione contro i 1.423 milioni di passivo registrato nello stesso periodo dello scorso anno (0,76 centesimi per azione) e facendo meglio delle previsioni di consensus. La perdita prima delle operazioni straordinarie si è invece attestata a 0,09 centesimi di dollaro per azione. L’impatto delle operazioni straordinarie è stato quindi di 0,06 centesimi di dollari per azione (prima delle tasse) frutto in gran parte dei costi sostenuti per la ristrutturazione della società.


In crescita i ricavi, a 43 miliardi di dollari contro i 40,8 dello stesso periodo dello scorso anno nonostante il calo delle vendite. La crescita delle entrate riflette, il miglioramento dei mix di prodotto e un cambio favorevole. “Stiamo facendo progressi nell’esecuzione di quattro priorità del nostro piano” ha commentato il Ceo Alan Mulally, “ristrutturazione della compagnia, accellerazione nello sviluppo dei prodotti, lavorare come un unico team e finanziare i nostri piani di sviluppo”.


Negativa la performance del comparto auto, il core business della società. Nel primo trimestre dell’anno Ford ha accumulato perdite per 225 milioni di dollari, in crescita dai 203 del primo trimestre 2006, perdite in gran parte dovute alle spese per interessi netti. A livello operativo il settore auto ha chiuso il trimestre in positivo per 116 milioni di dollari. Crescita per i ricavi, attestatisi a 38,6 miliardi di dollari contro i 37 dello stesso periodo dello scorso anno. La suddivisione per macroaree geografica ha messo in evidenza un andamento fortemente negativo per il Nord America, con una perdita trimestrale di 614 milioni di dollari da 442 e un calo dei ricavi a 18,2 miliardi da 19,8. La performance è stata parzialmente bilanciata dall’utile di Ford Sudamerica, 113 milioni di euro, in calo da 137 e di Ford Europe a 219 milioni di dollari in crescita dai 65 del primo trimestre dello scorso anno. Infine i mercati asiatici e del pacifico hanno portato a Ford auto una perdita di 26 milioni di dollari, in calo da un profitto di 2 milioni l’anno scorso. Il settore finanziario ha invece prodotto profitti ante imposte per 294 milioni di dollari in calo dai 375 di un anno fa.


Il piano di ristrutturazione di Ford Nord America ha portato a un taglio di 18.000 posti di lavoro nel primo trimestre dell’anno e a un risparmio sui costi per 500 milioni di dollari. Il piano prevede per il 2008 una riduzione del personale a 83.500/88.500 unità con una separazione dell’unità di componentistica.