Notizie Notizie Italia Fincantieri: via libera da Consob ad aumento di capitale da 400 mln. Oggi cda per definire condizioni

Fincantieri: via libera da Consob ad aumento di capitale da 400 mln. Oggi cda per definire condizioni

20 Giugno 2024 11:34

Prenderà il via il prossimo 24 giugno l’aumento di capitale di Fincantieri che ha ricevuto il via libera da Consob. L’Autorithy guidata da Paolo Savona ha, infatti, autorizzato la pubblicazione del prospetto informativo relativo all’offerta e all’ammissione alle negoziazioni sul mercato Euronext Milan delle azioni ordinarie di nuova emissione di Fincantieri rivenienti da un aumento di capitale in opzione, per un importo massimo complessivo di 400 milioni di euro, comprensivi di sovraprezzo.

Intanto in Borsa il titolo del gruppo di Trieste si muove in territorio negativo, segnando un calo di oltre il 2 per cento.

Fincantieri: via libera di Consob all’aumento di capitale

Via libera della Consob all’aumento di capitale di Fincantieri.  E oggi, a mercati chiusi, si riunirà il consiglio di amministrazione del gruppo per fissare termini e condizioni definitivi dell’aumento di capitale, incluso il prezzo al quale saranno offerte le azioni e il prezzo di esercizio dei warrant.

Il board inoltre ha definito ieri il calendario dell’aumento di capitale che prevede che:

– i diritti di sottoscrizione delle nuove azioni siano esercitabili dal 24 giugno all’11 luglio 2024 (estremi inclusi);
– i diritti di opzione siano negoziabili dal 24 giugno al 5 luglio (estremi inclusi).

I diritti non esercitati entro la fine del periodo di opzione saranno offerti dalla società entro il mese successivo la fine del periodo di opzione per almeno due giorni di mercato aperto. Cdp Equity, socio di controllo di Fincantieri, ha assunto l’impegno irrevocabile a sottoscrivere le nuove azioni per un importo complessivo di 287 milioni, corrispondente alla sua quota nel capitale.

È previsto che, entro l’inizio del periodo di opzione, Fincantieri e le banche garanti (ovvero (Bnp Paribas, Intesa Sanpaolo, Jefferies, Jp Morgan e Mediobanca) sottoscrivano un contratto di garanzia con il quale i garanti si impegnano “disgiuntamente tra loro e senza vincolo di solidarietà, a sottoscrivere e liberare, secondo i termini e le condizioni previsti dal contratto di underwriting stesso e in proporzione ai rispettivi impegni assunti, le nuove azioni eventualmente rimaste inoptate  termine dell’Offerta in Borsa, che si terrà successivamente al periodo di opzione”.

Fincantieri e AuM: Equita conferma hold

Gli analisti di Equita Sim che assegnano al titolo Fincantieri un rating Hold e un target price a 5,40 euro per azione e scrivono in merito all’operazione: “Ok di Consob al prospetto. Aumento di capitale al via dal 24 giugno. Oggi cda per definire le condizioni”. E poi ricordano che “CDP Equity (principale azionista di Fincantieri con una quota del 71,3%) ha assunto impegno irrevocabile a sottoscrivere integralmente la propria quota di aumento di capitalementre la parte restante parte (113 milioni di euro) è garantita dalle banche del consorzio di garanzia composto da BnpIntesa SanpaoloJefferiesJp Morgan e Mediobanca“.

Morto presidente Claudio Graziano: deleghe all’AD Folgiero

Intanto nei giorni scorsi c’è stato un primo passaggio di deleghe dopo la morte del presidente di Fincantieri Claudio Graziano.  In applicazione del piano di successione del presidente del consiglio di amministrazione e dell’amministratore delegato approvato il 16 febbraio 2023, sono state conferite all’amministratore delegato Pierroberto Folgiero, ad interim, fino alla sostituzione del presidente, le deleghe su supervisione e coordinamento del sistema di controllo interno della società e delle sue controllate e inoltre supervisione e coordinamento delle attività di sviluppo e governo del sistema di security aziendale, anche in materia di tutela amministrativa del segreto di Stato e delle informazioni classificate e la gestione di rapporti e relazioni in materia di sicurezza industriale con l’Autorità nazionale per la sicurezza.