Notizie La Frexit fa (un po’) meno paura, spread Oat-Bund rientra dopo alleanza Macron-Bayrou Fiat supera i 21 euro e si conferma la protagonista di Piazza Affari

Fiat supera i 21 euro e si conferma la protagonista di Piazza Affari

Fermare la corsa di Fiat è davvero una mission impossibile. E lo dimostra il fatto che il titolo del Lingotto non si risparmia mai, tanto che ormai si comincia a perdere il conto dei suoi innumerevoli successi. Anche oggi si è confermata la regina indiscussa di Piazza Affari sin dalle prime battute di contrattazioni, infrangendo la soglia di 21 euro per azione e mettendo a segno i nuovi massimi dal settembre del 2001.


Uno sprint, quello delle quotazioni della casa automobilistica torinese, che sta ancora tenendo banco nella city milanese con il titolo che in questo momento sale del 2,53%, scambiando a 21,46 euro per azione.
Solo ieri il Lingotto ha annunciato il via libera al piano di buyback con l’acquisto di 3,8 milioni di azioni ordinarie ad un prezzo medio di 20,854 euro per un controvalore di circa 79 milioni di euro.
“Una notizia positiva che conferma l’intenzione di spendere fino a 1,4 miliardi entro fine anno”, fanno sapere gli analisti di Euromobiliare che aggiungono che “a differenza di quanto da noi ipotizzato gli acquisti sono iniziati sulle ordinarie, ma resta valida l’idea che il buyback permetta di evitare la diluizione sotto il 30% di Ifil in caso di conversione anche delle risparmio”.


Ancora una giornata positiva, dunque, per Fiat che corre al rialzo in scia ai conti trimestrali positivi, diffusi lo scorso 23 aprile, e in fermento per l’avvicinarsi del lancio il 4 luglio della nuova 500. I fari del mondo delle quattro ruote, e non solo, sono tutti accesi sulla piccola del gruppo che, come ha dichiarato l’amministratore delegato del gruppo, Sergio Marchionne, potrebbe far registrare “il tutto esaurito nel 2007 e nel 2008”.


Il balzo dei titoli Fiat che hanno raggiunto e superato i 21 euro, “è la testimonianza della fiducia che il mercato ripone in un’azienda che da nove trimestri consecutivi mantiene e anzi migliora gli impegni”. Con queste parole il presidente Luca Cordero di Montezemolo si è fatto portavoce della soddisfazione che aleggia in casa Fiat dopo la performanceodierna delle quotazioni azionarie.


Ma la casa automobilistica di Torino ormai ci ha già abituato ai miracoli. Dopo la brillante prova dei conti ora ha inserito la marcia e tallona Renault. Nel frattempo non sta con le mani mano e nella corsa per la capitalizzazione di Borsa ha sorpassato i francesi toccando quota a 26,45 miliardi contro i 26,42 miliardi della casa transalpina. Un piccolo sorpasso che però è l’ennesima conferma dello stato di salute che vanta Fiat presso gli investitori e soprattutto dopo aver battuto nei mesi scorsi Ford e General Motors.