1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Dogecoin da urlo, +50% in un giorno. Effetto Musk ma non solo, Mark Cuban: ‘suo potere di acquisto superiore a quel dollaro che depositate in banca’

QUOTAZIONI Fiat Chrysler AutomobilesIntesa Sanpaolo
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dogecoin batte tutti, in un giorno vola di oltre il 50%, confermando la popolarità tra i cripto-fan. La cripto-meme è arrivata a sfondare anche la soglia di 60 centesimi, presa d’assalto dai buy, a fronte della continua debolezza del Bitcoin e dei nuovi record inanellati dall’Ethereum che, per inciso, superando ieri la soglia di $3.500, ha visto balzare la capitalizzazione a un valore superiore rispetto a quello di Wal-Mart, come dimostra la tabella.
Tornando al Dogecoin, la criptovaluta è volata soprattutto sulla scia degli assist sfornati nelle ultime settimane e sedute non solo da Elon Musk, il fondatore di Tesla, ma anche da Mark Cuban, proprietario del team di basket Dallas Mavericks, investitore miliardario il cui patrimonio netto è stimato a $4,3 miliardi, secondo Forbes, tanto da fargli meritare il 177esimo posto della classifica Forbes 400 del 2020.

In quella che è stata definita una vera e propria tempesta di tweet, Mark Cuban ha parlato anche del Bitcoin, facendo un parallelismo tra la criptovaluta numero uno al mondo e l’oro, e spiegando che il Bitcoin è una riserva di valore migliore del metallo giallo, in quanto “è facile da conservare e da creare, e non comporta problemi di consegna”. Problemi che invece l’oro, definito una “seccatura”, presenta: “Basta guardare a Fort Knox”, ha detto Cuban.
Sul fenomeno del Dogecoin, l’investitore  ha twittato che, “nel momento in cui crescerà il numero delle aziende che lo utilizzeranno come strumento di pagamento per loro servizi e prodotti, il Doge potrà essere considerato alla stregua di valuta spendibile, in quanto capace di conservare il suo valore di acquisto meglio di 1 dollaro depositato in banca”.
Insomma, ha scritto Mark Cuban, “il gioco è diventato realtà”.
Già diversi marchi ben noti come Slim Jim e Uber hanno capitalizzato sul successo di Doge utilizzandolo nel loro marchio o a scopi pubblicitari. Da qui a definire la cripto meme una cripto valuta o, semplicemente, una valuta intesa come mezzo di pagamento, ce ne passa.
Ma qualcuno che ha detto sì c’è: si tratta del negozio di elettronica online Newegg, che ha annunciato verso la fine di aprile che accetterà il Dogecoin per i pagamenti dei suoi articoli, specificando che le somme potranno essere versate andando sul loro sito attraverso il Bitpay Dogecoin wallet. I fan scatenati del l Dogecoin sono arrivati a presentare, inoltre, anche una petizione ad Amazon, chiedendo al colosso dell’e-commerce di accettare il Dogecoin come strumento di pagamento.
Che lo si approvi o meno, il boom del dogecoin è sicuramente tra i fenomeni più monitorati e seguiti dai mercati. La cripto-meme è balzata di oltre il 600% nell’arco di poche settimane, schizzando di oltre +11.000% dall’inizio dell’anno.
A scatenare i buy, oltre a Mark Cuban, è stato anche Elon Musk, con una serie di tweet negli ultimi mesi. In uno dei più recenti, il fondatore e ceo del colosso delle auto elettriche ha scritto The Dogefather SNL May 8″. anticipando il suo debutto nelle vesti di conduttore, il prossimo 8 maggio, della puntata del programma comico della Nbc SNL, ovvero Saturday Night Live.
Ed è bastato questo a scatenare l’euforia dei fan del dogecoin. Che ora capitalizza più di Intesa SanPaolo e Stellantis. E che gli ultimi acquisti hanno reso la quarta criptovaluta al mondo in termini di capitalizzazione.