1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Dividendi 2021 Piazza Affari: si avvicina pioggia di cedole sul Ftse Mib, rendimenti al top per Unipol e Generali. Da Intesa Sanpaolo per ora un antipasto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si avvicina il dividend-day per Piazza Affari. Tra una settimana staccheranno la cedola molte delle big del listino milanese. Dopo il corposo antipasto dello scorso 16 aprile, il più importante appuntamento con lo stacco dei dividendi 2021 arriverà il 24 maggio, quando a presentarsi all’appuntamento con la remunerazione degli azionisti saranno ben 18 società del Ftse Mib. Tra queste spiccano dividendi molto generosi anche se continuano a pesare le restrizioni Bce per i titoli bancari.
Va ricordato che si tratta dello stacco del dividendo 2021, ossia relativo all’esercizio 2020. Per incassare il dividendo bisogna detenere l’azione alla chiusura dell’ultimo giorno lavorativo prima dello stacco della cedola. Quest’anno tornano a staccare la cedola le banche, fermate nel 2020 dallo stop Bce. Le restrizioni Bce permangono in parte, con la raccomandazione alle banche di limitare il dividendo a un massimo del 15% degli utili cumulati tra il 2019 e il 2020, senza superare il tetto dei 20 punti base di capitale Cet1.

Stacchi del 24 maggio, assicurazioni e utility le più generose

Di seguito l’elenco degli stacchi del 24/5 in ordine alfabetico con relativi yield calcolati in base al prezzo di chiusura del 14 maggio.

A spiccare sono le cedole generose di Generali Assicurazioni (1,01 euro con rendimento del 5,73%) e Unipol (0,28 euro con yield del 5,71%). Sopra la soglia del 5% anche Italgas (0,277 euro, yield del 5,02%). Seguono poi Azimut (4,77%) e A2A (4,68%).
Nella lista ci sono anche due saldi cedola da parte di  ENI (0,24 euro) e Recordati (0,55 euro).

Da Intesa un antipasto in vista di doppia razione di fine anno

C’è poi la cedola di 0,0357 euro di Intesa, che è pari al massimo consentito dalla Bce.  Intesa Sanpaolo ha già predisposto un piano sul fronte dividendi che prevede la distribuzione cash da riserve, possibilmente entro la fine del 2021, che aggiungendosi ai predetti dividendi porti al pagamento di un ammontare complessivo corrispondente a un payout ratio pari al 75% dei 3.505 milioni di euro di utile netto rettificato, nonché un interim dividend (ammontare non specificato) sugli utili 2021 (target di payout del 70%) con 1.061 milioni di euro già maturati nel primo trimestre 2021.