1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Deficit strutturale: lo scoglio su cui si stanno arenando trattative manovra Ue-Italia

La procedura di infrazione potrebbe essere lanciata in teoria già domani, mercoledì 19 dicembre. Ma arrivano le rassicurazioni di Moscovici.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Forse non tutti l’hanno capito, ma il Pomo della discordia vero tra Bruxelles e Roma non è tanto il deficit nominale, ma il deficit strutturale. Ed è su questo che le trattative sulla manovra tra il governo M5S-Lega e la Commissione europea si stanno di nuovo arenando, stando almeno ai rumor riportati dalla stampa italiana.

Nelle ultime settimane e ultimi mesi la tensione tra il governo giallo verde e i piani alti di Bruxelles è stata, è vero, sul deficit nominale che, secondo le regole del Trattato di Maastricht, non dovrebbe sforare la soglia del 3%.

Si spiegano così le polemiche esplose per il caso Francia dopo che il presidente Emmanuel Macron, a seguito delle proteste dei Gilet Gialli, ha proposto nuove misure sociali ai francesi, tra cui l’aumento del salario minimo e il taglio di alcune tasse, per placare la rabbia del popolo. Peccato però che, secondo Les Echos, tali misure potrebbero far schizzare il rapporto deficit-Pil della Francia anche oltre il 3,6%: uno sforamento inammissibile per l’Italia, a cui l’Ue ha chiesto di far scendere il deficit-Pil (nominale) fino all’1,95%.

L’Ue, tuttavia, non dà importanza solo al deficit nominale. Crescente è il suo interesse anche per il deficit strutturale, la cui riduzione permette al paese di raggiungere il pareggio di bilancio.

Ma cosa è il deficit strutturale? Si tratta di un parametro che non considera le misure straordinarie e che non dipende dal ciclo economico. E’ un valore che, di conseguenza, dà un’idea più precisa di quello che è il deficit reale, e che fotografa in modo più attendibile la situazione in cui versano i conti pubblici.

E tra le richieste della Commissione europea c’è appunto quella secondo cui l’Italia dovrebbe far scendere il deficit strutturale dallo 0,9% di quest’anno allo 0,4% del prossimo anno, e raggiungere poi finalmente il pareggio di bilancio nel 2020.

Ma l’intesa su questo capitolo non è stata ancora raggiunta, come fa notare un articolo del Corriere della Sera, firmato da Federico Fubini:

“L’obiettivo di deficit «nominale» al 2,04% del prodotto lordo, che il governo difende come un nuovo totem, sulla carta sarebbe irrilevante. Per evitare una procedura sui conti, all’Italia la Commissione Ue chiede solo di non peggiorare o di ridurre di pochissimo il deficit «strutturale»”.

L’Ue chiede così all’Italia altri tre miliardi di risparmi per scongiurare un eventuale rialzo del deficit strutturale.

“L’ultima proposta inviata dal governo a Bruxelles contiene troppe entrate che incidono per un solo anno, da quelle per le vendite di immobili pubblici alla «eco-tassa» sulle auto di grossa taglia. Invece la Commissione Ue chiede fra 2,5 e tre miliardi di misure «strutturali» e non solo temporanee in più (pari allo 0,15% o 0,20% del prodotto lordo)”.

Il Corriere cita la resistenza dei due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini nel trovare altri miliardi che rischierebbero di far scendere alla fine anche quel target sul deficit-Pil nominale che è stato abbassato, alla fine, dal 2,4% considerato inizialmente soglia intoccabile fino al 2,04%.

“Un tentativo di via d’uscita è nell’apertura del governo a ridurre la sua previsione di crescita per il 2019 dall’1,5% all’1%: per ragioni tecniche, ciò farebbe scendere anche il deficit «strutturale».”, scrive il quotidiano.

A tal proposito, nelle ultime ore Reuters ha riportato l’indiscrezione secondo cui il governo avrebbe tagliato proprio le stime sul Pil, dall’1,5% all’1%.

Arriva intanto un’apertura dallo stesso Moscovici, che sottolinea che sta lavorando affinché “l’Italia non venga più sanzionata”. Certo, i tempi si fanno sempre più stretti, se si considera che, in teoria, la procedura di infrazione contro l’Italia potrebbe scattare già domani.

Intanto lo spread BTP-Bund è poco mosso attorno a quota 271 punti base, a fronte di tassi sui BTP decennali in lieve aumento al 2,96%.