1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Crollo Tesla, Cathie Wood vede buy opportunity unica e ARK fa incetta di titoli. Colosso di Musk risale insieme a tutto il Nasdaq

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tesla ieri ha archiviato la quarta seduta consecutiva in negativo con saldo da inizio anno passato in negativo. Il titolo del colosso delle auto elettriche ha però ridotto notevolmente le perdite nel corso della seduta: all’inizio di giornata a Wall Street il titolo era arrivato a cedere il 13% in area 619 $, mentre alla fine ha chiuso poco sotto i 700 $ (698,84$) con un calo del 2,19% (poco sopra  i 695$, livello a cui viaggiava il tiolo al momento dell’ingresso nell’S&P 500 lo scorso 21 dicembre).
Le forti vendite che si stavano accanendo su Tesla hanno spinto Cathie Wood, founder e ceo di ARK Investment Management LLC (Ark Invest) ad acquistare massicciamente il titolo. La numero uno di Ark ha detto in un’intervista a Bloomberg Radio che si trattava di una rara opportunità d’acquisto. “Le correzioni sono buone, ci mantengono tutti umili”, ha detto la Wod rimarcando come “i mercati rialzisti più forti si sono costruiti su muri di preoccupazione”.

Gli acquisti effettuati da tre ETF ARK

In una successiva mail Ark ha mostrato che tre dei fondi negoziati in borsa – Ark Innovation, Ark Autonomous Technology & Robotics e Ark Next Generation Internet – hanno acquistato ieri un totale di 240.548 azioni della casa automobilistica.
A risalire nella seconda parte di giornata è stato tutto il settore tech con il Nasdaq che ha chiuso a -0,5% rispetto al -3% a cui era arrivato nell’intraday complici i timori legati all’aumento dei rendimenti dei Treasury e alle preoccupazioni per le alte valutazioni del settore tech.

Tesla,  il nodo bitcoin e altri catalyst negativi

Nelle ultime sedute ha tenuto banco su Tesla anche la questione bitcoin (l’8 febbraio Tesla ha annunciato l’acquisto di $ 1,5 miliardi della criptovaluta per “maggiore flessibilità per diversificare ulteriormente e massimizzare i rendimenti sulla liquidità” e prevede di iniziare ad accettare pagamenti in Bitcoin per i suoi prodotti). Il bitcoin è scivolato indietro dai top nelle ultime 48 ore a seguito dei commenti di Janet Yellen. Il Segretario al Tesoro USA ha espresso preoccupazione legata ai rischi che corrono gli investitori e ritiene il bitcoin “altamente speculativo” e “inefficiente” per le transazioni ed è spesso usato per compiere “illeciti”. La Yellen ha anche accennato alla quantità di energia consumata nell’elaborazione delle transazioni BTC e l’ha definita “sconcertante”.
“Secondo noi, il bitcoin è una mossa intelligente al momento giusto per Tesla, ma comporta rischi e volatilità che si aggiungono alla storia di Tesla”, ha affermato Daniel Ives di Wedbush Securities, tra gli analisti più positivi sul titolo Tesla.
Tra gli elementi che hanno alimentato il nervosismo su Tesla nell’ultima settimana c’è anche il taglio del prezzo della versione più economica della sua Model Y e delle Model 3 più vendute di $ 2.000 ciascuna. Ciò ha portato il prezzo della “gamma standard” di Model Y a $ 38.490 e per la gamma standard Model 3 a $ 34.590. Ma durante il fine settimana, la versione più economica della Model Y è scomparsa dal sito di vendita di Tesla, lasciando solo le versioni più costose a lungo raggio e ad alte prestazioni del SUV. Tesla non ha spiegato la sua decisione.
In aggiunta le case automobilistiche tradizionali stanno alzando gli obiettivi per le proprie vendite di veicoli elettrici e vanno ad aumentare la concorrenza nella fascia di prezzo dei prodotti Tesla. General Motors (GM) ha lanciato una versione SUV della sua Chevrolet Bolt una settimana fa, con un prezzo ben al di sotto della Model Y, e ha annunciato che intende vendere solo auto a emissioni zero dal 2035. Ford ha fissato un obiettivo EV ancora più ambizioso per le sue vendite europee con solo veicoli elettrici entro il 2030.
Infine, Apple sta valutando la possibilità di collaborare con una casa automobilistica per entrare nel settore automobilistico. Questi sforzi stanno innervosendo alcuni investitori Tesla, rimarca Ives, anche se crede che ci sarà abbastanza passaggio ai veicoli elettrici per più vincitori tra le case automobilistiche globali.