1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cina: settore immobiliare sotto assedio. Dopo Evergrande anche Kaisa in profonda crisi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non solo Evergrande. Una nuova gatta da pelare per l’immobiliare cinese con Kaisa che ha sospeso le contrattazioni dei suoi titoli alla Borsa di Hong Kong. A novembre, Kaisa ha presentato un piano per ritardare i tempi di rimborso di alcune delle sue obbligazioni, offrendo uno swap di 380 milioni di dollari.

Tuttavia la proposta non ha ottenuto l’approvazione necessaria del 95% degli obbligazionisti per il suo via libera. La scorsa settimana la stessa Kaisa ha reso noto il fallimento dello swap sul debito da 380 milioni di dollari. In nottata, prima dell’avvio delle contrattazioni, la compagnia ha annunciato la sospensione delle negoziazioni sui titoli a Hong Kong «in attesa della diffusione di un annuncio contenente informazioni privilegiate». Tra le altre opzioni, gli obbligazionisti potrebbero scegliere di acquistare nuove obbligazioni emesse da Kaisa che potrebbero essere scambiate con azioni in alcune delle unità quotate dello sviluppatore. Il mancato raggiungimento di un accordo ha aumentato le possibilità di default di Kaisa, hanno detto gli analisti.

Settore immobiliare cinese nell’occhio del ciclone

La 27esima società immobiliare più grande della Cina è l’ultima società a spaventare gli investitori in scia all’enorme debito accumulato. Il settore immobiliare cinese è nell’occhio del ciclone da quando l’anno scorso il governo di Pechino ha lanciato una campagna per frenare l’eccessivo indebitamento e la bolla speculativa. Le aziende che avevano accumulato enormi debiti per espandersi hanno improvvisamente trovato gravi difficoltà di finanziamento, iniziando ad avere problemi di liquidità. Così Evergrande, la cui crisi del debito è emersa negli ultimi mesi, è tornata sotto i riflettori questa settimana quando sembrava probabile che fosse ufficialmente in default per la prima volta. Il secondo sviluppatore immobiliare cinese, con oltre 300 miliardi di dollari di debiti, ha reso noto di voler “lavorare attivamente” coi creditori offshore su un piano di ristrutturazione, aggiungendo che non vi era alcuna garanzia sui fondi sufficienti per far fronte ai suoi obblighi.

Ma la conseguenza della crisi Evergrande è di aver trascinato verso il basso anche gli altri player del settore. Sunshine 100, compagnia cinese attiva nel settore del real estate, ha avvertito di non essere “in grado” di rimborsare un prestito, poiché il settore immobiliare è scosso dal caso di Evergrande.

Ultima in ordine temporale Kaisa che ha interrotto le negoziazioni in borsa all’inizio di novembre per quasi tre settimane, dopo la notizia che aveva mancato un pagamento su un prodotto di gestione patrimoniale. Tra gli sviluppatori cinesi, Kaisa è il secondo più grande emittente di obbligazioni offshore ad alto rendimento denominate in dollari, secondo la banca d’investimento francese Natixis. Evergrande, lo sviluppatore immobiliare più indebitato del mondo, è al primo posto.

“La storia della proprietà cinese rimane ancora intatta”, ha detto Teresa Kong, responsabile del reddito fisso e gestore di portafoglio alla Matthews Asia, suggerendo che il ritmo di urbanizzazione della Cina è ancora nelle prime fasi.

“Quindi ci sono ancora molte famiglie che si stanno formando, specialmente nelle aree urbane mentre i lavoratori continuano a migrare dalle zone rurali alle aree urbane”, ha detto a “Squawk Box Asia” della CNBC. “Penso che nel complesso, il governo capisce che si avranno alcuni fallimenti, ma il settore nel suo complesso continua ad essere una parte molto importante dell’economia”.