1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Cina, rame e petrolio: Credit Suisse corregge il tiro dopo inizio 2021 sprint e accantona anche l’oro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con un’economia che stenta a decollare, complice la nuova ondata di contagi da Covid e una campagna vaccinale a macchia di leopardo a livello globale, gli esperti di Credit Suisse apportano alcune correzioni alle dieci idee di investimento 2021. In particolare prende profitto sull’azionario Cina, che ha alle spalle già un corposo +15% da inizio anno. Inoltre, il comitato per gli investimenti della casa d’affari elvetica mantiene un’opinione positiva sul complesso delle materie prime ma alla luce dell’aumento dei rendimenti reali degli Stati Uniti e un dollaro più solido vede le prospettive mutare rispetto a prima.  “L’oro in particolare ha sofferto e sta sottoperformando altre materie prime – rimarca Credit Suisse – . Sebbene l’oro rimanga un buon diversificatore, richiederà una stabilizzazione dei rendimenti reali degli Stati Uniti e un’altra ondata di indebolimento dell’USD per riprendere la sua ascesa. Il rame rimane scarsamente fornito, ma l’impulso della domanda potrebbe moderarsi una volta che i servizi anziché la produzione inizieranno a guidare la crescita”. Il petrolio, aggiunge Credit Suisse, è ben supportato e potrebbe aumentare ancora un po’, ma le grandi mosse dei prezzi (e catalyst come il recente incontro OPEC+) sono probabilmente alle nostre spalle.

L’aggiornamento di marzo sulle 10 idee di investimento 2021

La prima idea di investimento prevede di mantenere il contante in eccesso al minimo e investire in portafogli multi-asset ben diversificati. C’è stato un notevole cambiamento nelle aspettative del mercato per la risposta politica delle banche centrali all’aumento delle aspettative di inflazione e alla ripresa economica. Il primo aumento di 25 punti base dei tassi di deposito della Banca centrale europea dovrebbe avvenire nel 2024, rispetto al 2026 di inizio anno. Inoltre, le aspettative dei tassi verso la fine di questo decennio sono ora molto più alte rispetto a poche settimane fa. Allo stesso modo, negli Stati Uniti, le aspettative del mercato sono per tre rialzi dei tassi di interesse entro la fine del 2023, rispetto a uno solo. Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare prima che questi aumenti dei tassi di cassa abbiano luogo e gli esperti di CS continuano quindi a preferire i portafogli multi-asset ben diversificati alla detenzione di liquidità, poiché i tassi di cassa rimangono molto poco attraenti.
La seconda idea di investimento punta alle obbligazioni societarie asiatiche e latinoamericane selezionate; obbligazioni sovrane cinesi. “Manteniamo la nostra preferenza per le obbligazioni societarie asiatiche e latino-americane selezionate, che offrono il premio di rischio più interessante nel reddito fisso, e continuiamo a detenere obbligazioni sovrane cinesi in valuta locale per la diversificazione. Il miglioramento del rendimento dei titoli di Stato cinesi rispetto a quelli statunitensi è diminuito da 200 punti base a soli 150 punti base, ma i titoli sovrani cinesi rimangono una fonte di rendimento interessante”.
Terza idea di investimento guarda alle obbligazioni ibride societarie, considerate dagli esperti di Credit Suisse come il modo migliore per ottenere un rendimento dalle società con rating investment grade.
La quarta idea di investimento si concentra sui supertrend delle Infrastrutture e cambiamento climatico. L’amministrazione Biden è riuscita a far passare il suo programma di aiuti COVID-19 da 1.900 miliardi di dollari al Congresso. “Ci aspettiamo ora un programma dedicato alle infrastrutture, che prevediamo sosterrà le aziende che beneficiano direttamente dell’aumento della spesa per le infrastrutture” dicono gli analisti. “Molti dei prossimi aggiornamenti delle infrastrutture cercano di far avanzare ulteriormente la decarbonizzazione dell’attività economica. Evidenziamo quindi entrambi i nostri Supertrend Infrastrutture e Cambiamento climatico come meglio posizionati per beneficiare di questi sforzi”.
La quinta idea di investimento legata alla Cina, come detto, vede Credit Suisse trarre profitto dai titoli cinesi/asiatici. “Abbiamo iniziato l’anno con un focus regionale sui titoli cinesi e asiatici per sfruttare lo slancio economico e le superiori tendenze degli utili della regione. La crescita del PIL del 1° trimestre in Cina dovrebbe superare il 16% annualizzato. Tuttavia, ci aspettiamo che lo slancio rallenti significativamente nel 2° trimestre” afferma CS. Nei portafogli diversificati che seguono le allocazioni del benchmark, questo significa ridurre le ponderazioni dei titoli cinesi/asiatici. “A febbraio, abbiamo aggiunto un angolo di Cina sostenibile a questa idea. Anche se è in calo del 10%, crediamo fortemente che i titoli correlati si riprenderanno. Al recente Congresso Nazionale del Popolo, il governo cinese ha annunciato l’intenzione di tagliare le emissioni di carbonio del 18% per unità di PIL entro il 2025, il che suggerisce che il tema rimane vivo e rilevante, e che il sostegno politico è saldamente in atto”.
Sesta idea di investimento punta ai recovery stock COVID-19 con maggiore esposizione ai titoli finanziari. “Mentre la Germania e il Regno Unito rimangono i nostri due mercati preferiti per beneficiare della ripresa COVID-19, continuiamo a concentrarci sui titoli value europei, tra cui materiali da costruzione, minerari, costruttori di case, telecom e banche”. “Inoltre, continuiamo ad aspettarci che i viaggi di piacere e la ricettività si riprendano verso l’estate, poiché la domanda repressa dovrebbe portare a un forte aumento dell’attività nel settore”.
La settima idea di investimento punta ai primi 25 titoli del Credit Suisse ESG, “un modo più difensivo di investire in azioni, e continuiamo a concentrarci su un’esposizione azionaria ben diversificata sui mercati sviluppati ed emergenti”.
L’ottava guarda invece ai hedge fund e private equity. I primi hanno gestito bene l’aumento dei rendimenti obbligazionari a lungo termine, ottenendo rendimenti bassi a una cifra a febbraio. “Rimaniamo costruttivi sulle strategie azionarie opportunistiche long/short, in quanto tali gestori dovrebbero beneficiare della riapertura economica e della rotazione in corso verso i settori value (ad esempio l’energia) e le regioni (ad esempio l’Europa) in un contesto di livelli di volatilità più elevati” continuano gli esperti. La robusta attività d’investimento dopo lo shock della COVID-19 ha spinto i valori delle operazioni di private equity più in alto.
Credit Suisse, come detto, rimodula anche l’idea 9. Pur mantenendo la nostra visione positiva sulle materie prime in generale, prende profitto su rame, oro, argento, petrolio, in aumento del 18,6% dall’inizio, e rifocalizzandosi su un’esposizione diversificata sulle commodity. Focus sul platino, la cui offerta non è particolarmente scarsa, mentre la domanda ha un margine per recuperare fortemente, date le normative più severe sulle emissioni in Cina e in India, la ripresa delle vendite di auto in Europa e i primi segni di sostituzione con il palladio.
Da ultimo gli esperti pensano che la Corona norvegese, il dollaro neozelandese, quello canadese e la sterlina offrano un’esposizione interessante alla crescita globale e/o alla reflazione guidata dai prezzi delle materie prime. “Nei mercati emergenti, ci piacciono soprattutto il Renminbi, il Won e il rublo contro il dollaro” concludono.