1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Azimut: partnership strategica nel wealth management Usa, rilevato 55% in Sanctuary Wealth

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Gruppo Azimut, attraverso la sua controllata statunitense AZ US Holdings, ha firmato un accordo per l’acquisto di una partecipazione del 55% in Sanctuary Wealth Group. Sanctuary, fondata da Jim Dickson nel 2018, attualmente conta masse gestite per circa 7 miliardi di dollari, è una delle principali società americane indipendenti di wealth management, che offre ai consulenti finanziari la possibilità di costruire e gestire il proprio business con il supporto di una piattaforma avanzata.

La partnership tra Azimut e Sanctuary si concentrerà sullo sviluppo di una rete di consulenti finanziari indipendenti di altissimo livello. SWG continuerà a investire nella crescita dei team e nelle acquisizioni strategiche di altre realtà di consulenza finanziaria così come nel reclutamento di consulenti dalle wirehouse in tutti gli Stati Uniti. In poco più di due anni, Sanctuary ha reclutato 41 team di consulenti finanziari e wealth manager ed oggi è presente in 17 stati e impiega più di 100 consulenti che servono oltre 7.000 famiglie.

Previa approvazione delle autorità competenti, AZ US Holdings acquisirà una partecipazione del 55% in Sanctuary attraverso un aumento di capitale riservato al fine di finanziare il business plan concordato dalle parti. La quota rimanente continuerà a essere nelle mani del senior management e dei consulenti finanziari di SWG. L’accordo prevede che l’attuale management di Azimut e Sanctuary collaborino per far crescere l’attività negli Stati Uniti nel medio-lungo termine e prevede diritti di opzione call/put, nonché un ulteriore investimento nell’attività legato ai risultati.

Il gruppo italiano del risparmio gestito, che è entrato negli Stati Uniti per la prima volta nel 2015, sottolinea
che “l’accordo con Sanctuary rappresenta una pietra miliare significativa e un’ulteriore dimostrazione dell’impegno di Azimut a perseguire il suo piano di espansione nel settore finanziario statunitense”.