1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Aspettando COP26: sempre più green e meno attaccati al rendimento, le nuove priorità degli investitori italiani

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Quasi un investitore su due in Italia ritiene la sostenibilità più importante del rendimento e anche a livello globale sta crescendo con decisione la sensibilità verso la tematica green negli investimenti. Sono questi forse alcuni dei trend più rilevanti emersi dalla ricerca effettuata a livello globale da Ninety One dal titolo “Investire per un mondo carbon free: ecco cosa vogliono gli investitori”. Una notizia molto importante nella marcia di avvicinamento alla COP26, la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che si terrà da fine mese a Glasgow.

Il campione analizzato

La ricerca, condotta su oltre 6000 investitori professionali in dieci mercati (Regno Unito, Germania, Italia, Danimarca, Svezia, Sudafrica, Singapore, Hong Kong, Stati Uniti e Canada) ha rilevato che gli investitori di tutto il mondo sono pronti a sostenere la spinta verso le emissioni nette zero: uno su due, infatti, afferma che gli asset manager dovrebbero usare la loro influenza come azionisti di società che fanno ampio ricorso al carbonio per aiutare ad agevolare la riduzione delle emissioni di Co2. Dato, questo, che suggerisce che gli investitori sono pronti a utilizzare il loro capitale per investire in soluzioni sostenibili che aiutino a raggiungere l’obiettivo delle emissioni nette zero. Nonostante un chiaro gap nelle conoscenze, il concetto di investire il proprio capitale per permettere di raggiungere lo zero netto piace a 4 investitori su 5. Tuttavia, molti rimangono scettici sulla loro reale capacità di contribuire agli sforzi per affrontare il cambiamento climatico, con il 61% che ritiene che il compito di affrontare queste problematiche dovrebbe spettare a coloro che sono i veri responsabili dell’inquinamento.

Il nodo disinvestimenti

La ricerca, attraverso il questionario, ha permesso poi agli investitori di riflettere brevemente sui possibili esiti sia delle azioni di engagement sia, invece, del disinvestimento: ebbene, al termine dell’analisi è risultato che, nelle loro preferenze, il disinvestimento ha perso 6 punti percentuali, mentre ne ha guadagnati 5 l’engagement proattivo con le aziende per ridurre le emissioni di carbonio. Ciò indica che dedicare del tempo a chiarire il tema dell’impatto degli investimenti è vitale. Tutte le tipologie di investitori identificate hanno perciò cambiato punto di vista su come affrontare l’investimento per lo zero netto quando hanno avuto la possibilità di discutere la questione. È evidente che disinvestire dalle società che sono responsabili delle maggiori emissioni creerà rischi significativi e conseguenze inevitabili per i mercati emergenti, privandoli di capitali. Mentre quasi la metà (49%) degli investitori si è detta consapevole dell’impatto negativo che la strada del disinvestimento avrà sul mondo in via di sviluppo, è necessaria maggiore condivisione per aumentare la consapevolezza sull’importanza dell’allocazione di capitali per garantire una transizione globale e inclusiva verso lo zero netto.

Cresce l’attenzione all’ESG

Questi risultati confermano la crescente attenzione a livello globale nel generare cambiamenti di lungo termine per affrontare il climate change e orientare gli investimenti verso l’obiettivo dello zero netto: 9 investitori su 10 ritengono che la riduzione delle emissioni di carbonio dovrebbe essere incoraggiata e sarebbero favorevoli al fatto che i loro soldi svolgessero un ruolo nel raggiungimento di tale obiettivo. Al punto che il 32% lo farebbe indipendentemente dal rendimento che potrebbe ottenere.

Italiani più green

Anche per gli investitori italiani lo zero netto si conferma un tema molto importante nella propensione all’investimento. Con alcune rilevanti differenze, tuttavia, rispetto alle medie globali. Se 9 su 10 infatti – in linea con il risultato generale – si dicono favorevoli a impiegare i loro soldi per contribuire alla riduzione del carbonio, quasi la metà (47%) dichiara che lo farebbe indipendentemente dal ritorno finanziario: la media globale si attesta al 32%. Inoltre, gli investitori italiani credono fortemente nel valore dell’engagement proattivo che, più del semplice disinvestimento, può svolgere un ruolo chiave per generare risultati concreti in termini di sostenibilità. Quasi 2 su 3 (64%) infatti – più della media globale – ritengono che gli investment manager e gli asset owner dovrebbero usare la loro influenza come azionisti per aiutare le aziende a ridurre l’utilizzo o la produzione di carbonio e favorire nel tempo la transizione allo zero netto.

L’appeal dello zero netto

Sebbene permanga un consistente divario di conoscenza in Italia su cosa sia realmente il principio dello zero netto in relazione agli investimenti, il concetto di investire per raggiungere le emissioni nette zero ha un appeal positivo per 8 investitori su 10. Al punto che il 65% pensa che nei prossimi 12 mesi aumenterà la quota di risparmi investiti in società o fondi che stanno aiutando il mondo a raggiungere questo obiettivo. Infine, gli investitori italiani si dicono piuttosto ottimisti sulla COP26: il 61% si aspetta infatti che dalla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici usciranno accordi e linee di azioni che permetteranno di tenere sotto controllo il climate change. Noi tutti ci auguriamo vada proprio così.