1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Certificates ›› 

Gli indici azionari tentano il rimbalzo. Analisi su Ftse Mib, Euro Stoxx 50 e S&P 500

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Apertura in rialzo per le Borse europee che proseguono i guadagni di venerdì scorso. In avvio a Francoforte il Dax sale di 1 punto percentuale, a Parigi il Cac40 guadagna lo 0,85% e a Londra l’indice Ftse 100 segna un progresso dello 0,74%. A sostenere gli scambi sono le speranze di un rilancio dell’economia, grazie al sostegno delle banche centrali. Venerdì scorso infatti Olli Rehn, governatore della banca centrale finlandese e membro della Bce, ha preannunciato mosse molto aggressive della banca centrale europea il prossimo 12 settembre, con possibile taglio dei tassi e un sostanziale piano di acquisto asset. Inoltre, la People’s Bank of China ha reso noto che, a partire da questo mese, introdurrà un meccanismo volto ad abbassare i tassi sui prestiti su base reale.

 

Ftse Mib: tenta di ripartire dal supporto chiave a 20.236 punti

 

 

L’indice italiano tenta il rimbalzo e recupera oggi circa 1 punto percentuale. Con la seduta di oggi rompe la trend ribassista di breve periodo costruita sui massimi del 25 luglio e 1 agosto e rimette nel mirino la prima resistenza statica importante a 20.643 punti (ritracciamento del 38,2% di tutto l’up trend avviato a dicembre del 2018). In caso di break di tale livello si avrebbe come target i 21.000 e 21.500 punti.

 

Al ribasso già una chiusura al di sotto dei 20.000 punti darebbe delle indicazioni negative, mentre il break in volatilità del supporto a 19.600 punti (61,8% di Fibonacci) sarebbe un’indicazione di sentiment piuttosto importante e negativa, aprendo a ritorni anche fino a 18.500 punti.

 

Per chi volesse operare sul Ftse Mib con certificati a leva long, si potrebbe considerare per esempio il Turbo Long con ISIN: NL0013491830. In alternativa chi ha view ribassista può operare con questo Turbo Short ISIN: NL0013492325.

 

Euro Stoxx 50: tenta il rimbalzo. Importante il recupero dei 3.400 punti

 

 

Anche l’indice europeo ha visto nelle scorse settimane una fase correttiva piuttosto importante che ha riportato l’indice fino al minimo relativo di 3.240 punti. Livello che corrisponde al ritracciamento di Fibonacci del 50% di tutto l’up trend avviato a dicembre 2018. Con questo movimento l’indice ha anche infranto la trend line rialzista di medio periodo (descritta appunto dal minimo su citato e del 7 giugno 2019). Dal minimo relativo di 3.241 punti l’Euro Stoxx 50 ha avviato il rimbalzo.

 

In tale scenario i livelli da monitorare sono due. Un recupero (in chiusura) dei 3.400 punti dovrebbe garantire all’indice un ritorno verso i massimi di luglio di quest’anno (area 3.500 punti), mentre al ribasso, in caso di chiusura al di sotto dei 3.240 punti, si potrebbe assistere ad un’accelerazione verso 3.200 e 3.162 punti. Quest’ultimo corrisponde al 61,8% di Fibonacci e rappresenta un livello psicologico chiave.

 

Per chi volesse operare sull’Euro Stoxx 50 con certificati a leva long, si potrebbe considerare per esempio il Turbo Long con ISIN: NL0013492671. In alternativa, chi ha view ribassista può operare con questo Turbo Short ISIN: NL0013492796.

 

S&P 500: fase fisiologica di ritracciamento. A 2.800 supporto chiave

 

 

L’S&P 500 sta vivendo un mese di agosto molto volatile, che almeno per ora ha trovato supporto sulla fascia di prezzo dei 2.820 punti. Per ora una fisiologica fase di ritracciamento dopo aver toccato massimi storici a 3.027 punti.

 

In tale scenario, un segnale più importante verrebbe sulla rottura dei 2.800 punti, con target a 2.765 e 2.700 punti. Al rialzo invece un segnale positivo sarebbe sul superamento, in chiusura, dei 2.900 punti e della trend ribassista di breve, costruita sui massimi del 1 agosto e del 13 agosto.

 

Per chi volesse operare sull’S&P 500 con certificati a leva long, si potrebbe considerare per esempio il Turbo Long con ISIN: NL0013493067. In alternativa, chi ha view ribassista può operare con questo Turbo Short ISIN: NL0013493166.