1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Piazza Affari prova a tenere quota 22mila, i bancari restano ‘sorvegliati speciali’

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La settimana prende il via a Piazza Affari all’insegna della cautela, con il Ftse Mib che si mantiene poco sopra la soglia dei 22mila punti. Il listino riparte dopo la battuta d’arresto di venerdì scorso, archiviando la seduta in flessione dello 0,6% appena sotto la soglia dei 22.000 punti. La Borsa di Milano era reduce da una striscia positiva di 6 sedute positive consecutive.

“L’indice archivia comunque la quarta settimana positiva nelle ultime 5, proseguendo il recupero che ha generato un apprezzamento di oltre 2.500 punti dai minimi di maggio”, sottolineano da SosTrader, ricordando che operativamente, si entra nel vivo della stagione estiva in cui bisogna è meglio adottare “un atteggiamento adeguato al tempo in cui riusciremo a monitorare i mercati”.

“Nel corso della settimana sono scattate forti ricoperture sul mercato italiano, in particolare nella seduta di mercoledì dopo la notizia che l’Italia è riuscita ad evitare la procedura di infrazione dell’UE. Immediati gli impatto sul mercato, con acquisti copiosi che interessano soprattutto i titoli bancari”, rimarcano gli esperti.

 

Non bisogna dimenticare il contesto europeo, con il caso Deutsche Bank in primissimo piano dopo l’annuncio di un maxi piano di ristrutturazione. Ma anche alla Grecia, dove le elezioni hanno decretato la fine della premiership di Alexis Tsipras, leader del partito Syriza, e la vittoria del partito di centro-destra Nuova Democrazia, guidato dall’ex banchiere Kyriakos Mitsotakis.

 

 

Ecco i titoli segnalati da SosTrader da tenere d’occhio per la seduta odierna, con le banche restano le sorvegliate speciali dopo l’exploit della passata settimana:

 

Repentina inversione di forza relativa per Ubi Banca che si apprezza di quasi il 13% nelle ultime 3 sedute. Il superamento di 2,63 euro potrebbe calamitare nuovi acquirenti.

 

Saipem è inserita all’interno di un triangolo potenzialmente esplosivo. La fuoriuscita dei prezzi da questo pattern potrebbe innescare un violento impulso direzionale.

 

Unicredit torna al centro dell’interesse del mercato archiviando la miglior settimana da fine febbraio con un rialzo del 6,69%. Continuiamo a seguire il titolo in quanto nel report di inizio semestre abbiamo indicato come fra le azioni più sottovalutate.

 

Ferragamo viene respinta per il terzo giorno consecutivo dalla resistenza in area 21,7 euro. Possibile assistere a delle veloci prese di profitto che darebbero l’opportunità per un trade short (da coprire con uno stop loss rigoroso in area 21,8 euro)

 

MPS torna al centro dell’interesse del mercato apprezzandosi del 44,9% nell’ultima settimana. Attendiamo un veloce pull back al fine di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.