1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Olimpiadi, Europei e corsa alla Casa Bianca i motori della spesa pubblicitaria nel 2008

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I due eventi mediatici clou del 2008, le Olimpiadi di Pechino e le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, saranno i propellenti per la crescita del mercato pubblicitario internazionale. Secondo le previsioni della società di ricerca londinese, ZenithOptimedia, le spese in advertising – dai quotidiani a internet, dal cinema alla radio – nel 2008 cresceranno al ritmo del 6,7%.


Dall’analisi diffusa oggi della società di media e planning britannica il 2008 sarà anche un anno positivo per la televisione, da anni alle prese con la migrazione dei telespettatori dai canali di massa a quelli specializzati e alla competizione sempre più agguerrita di Internet: a dispetto di ciò la quota di spesa pubblicitaria ad appannaggio del piccolo schermo incrementerà dal 37,9% dell’anno in corso al 38,2% nel prossimo anno. Una piccola rivincita, visto che negli ultimi anni – come si legge nella nota diffusa da ZenithOptimedia – la tv ha perso sempre più quote di mercato in molti Paesi, come il Nord America e l’Europa Occidentale. Adesso, la tendenza dovrebbe cambiare. La spesa pubblicitaria dovrebbe essere sospinta anche dagli Europei 2008, che si svolgeranno la prossima estate tra la Svizzera e l’Austria, e da una forte performance dei mercati in via di sviluppo, che bilanceranno i ribassi causati da dalle restrizioni al credito e da una flessione del comparto edilizio Oltreoceano.

“Rivediamo al rialzo anche le previsioni per l’advertising in Internet che – prosegue lo studio di ZenithOptimedia – cresceranno di circa il 30% quest’anno e raggiungendo così un incremento dell’85% tra il 2006 e il 2009, mentre a livello di quote di mercato l’incremento sarà dal 7,5% (2007) al 9,5% (2009).
Le previsioni non sono così positive, invece, per i quotidiani, che continuano a pagare il prezzo più alto per lo sviluppo del web. In dettaglio, la società di ricerca londinese prevede una flessione a livello mondiale delle spese pubblicitarie sulla carta stampata, la cui quota scenderebbe dal 29% registrato dodici mesi fa al 26,2% nel 2009.


Secondo il rapporto i mercati pubblicitari che cresceranno più velocemente ci sono la Serbia, il Quatar e il Kazakistan, Bielorussia. Dieci degli otto mercati con la crescita più rapida sono nell’Europa centro orientale e due nel medio Oriente.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ECONOMIA

Germania: inflazione accelera a sorpresa a giugno

L’inflazione della Germania accelera nel mese di giugno. Secondo i dati preliminari diffusi oggi, l’indice annuale dei prezzi al consumo segna in Germania un progresso dell’1,6% dall’1,5 precedente. Le attese era invece per una decelerazione a +1,3%….

ACCORDO

Cerved: estesa la partnership industriale con BHW Bausparkasse

BHW Bausparkasse AG, succursale Italiana dell’omonimo gruppo bancario tedesco (parte del Gruppo Deutsche Postbank) e Cerved Credit Management Group, controllata indiretta di Cerved Information Solutions, hanno finalizzato un accordo per estendere la …

IPO

Carrefour prepara quotazione delle sue attività in Brasile

La catena di supermercati francese Carrefour ha depositato il prospetto preliminare in vista dell’introduzione in Borsa della sua controllata brasiliana Atacadão SA (Grupo Carrefour Brasil) in una operazione che gli permetterà di raccogliere tra i 4,…