Monte dei Paschi: JP Morgan vede diluizione del 51% Eps da aumento di capitale

Inviato da Flavia Scarano il Ven, 20/09/2013 - 10:49
Focus di JP Morgan su Monte di Paschi di Siena. La banca d'affari statunitense ha stimato una diluizione del 51% dell'utile per azione a seguito dell'aumento di capitale da 2,5 miliardi di euro annunciato dal Ministero delle Finanze lo scorso 8 settembre. Gli analisti prevedono che l'ammontare sarà destinato al rimborso dei 338 milioni di euro di interessi 2013 sui Monti bond al Governo e alla restituzione dei 2,162 milioni di quest'ultimi. Rimane però poco chiaro agli occhi degli esperti se il capitale verrà raccolta sul mercato o attraverso la conversione dei Monti bond, per questo assumono una ricapitalizzazione da 2,162 milioni basata sul prezzo corrente dell'azione, che potrebbe portare ad una diluizione del 51% dell'utile per azione. Gli esperti hanno tenuto conto anche di un risparmio sui costi di finanziamento stimato a 34 milioni di euro nel 2014 e a 205 milioni nel 2015 dopo il rimborso.

Il broker ha così deciso di tagliare le stime sui profitti in scia ad un peggior margine d'interesse e più elevati accantonamenti: per il 2013 stimano una perdita di 834 milioni di euro e un rosso di 121 milioni nel 2014, aggiungendo un'attesa di utile pari a 193 milioni di euro nel 2015. JP Morgan ha così ridotto il target price sul titolo Monte dei Paschi da 0,17 euro a 0,12 euro, confermando il giudizio underweight. Gli analisti hanno poi stimato un Basel 3 core equity tier 1 2015 al 7,4%, con un incremento atteso del 2,5% dopo l'aumento di capitale.
COMMENTA LA NOTIZIA