Milano miglior Borsa d'Europa. Le banche rimbalzano, ma lo spread continua a salire

Inviato da Redazione il Mar, 13/09/2011 - 09:47

Su Milano spira il vento di Pechino e Piazza Affari rimbalza. Il Ftse Mib è il miglior indice azionario in Europa con un rialzo vicino al punto percentuale dopo aver toccato anche il 2% in prossimità dell'apertura. A trainare i listini milanesi sono soprattutto i titoli bancari, sospinti dalle indiscrezioni rilanciate dal Financial Times secondo cui il governo italiano starebbe sondando l'interesse dalla Cina ad aumentare gli investimenti in titoli di Stato italiani. Le trattative sarebbero state avviate settimana scorsa con un incontro tra il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, e il ceo del fondo cinese China Investment Corporation (Cic), Lou Jiwei. Al centro dell'incontro anche possibili investimenti cinesi in aziende italiane controllate dallo Stato.

Guidano i rialzi Unicredit e Intesa, con progressi superiori ai 4 punti percentuali dopo che nella seduta di ieri i due titoli avevano perso un decimo del loro valore di Borsa. Seguono Banca Popolare di Milano e Mps, in rialzo di oltre il 3%, Banco Popolare e Ubi Banca che avanzano di oltre il 2 per cento. In negativo Fiat, nonostante l'a.d. del gruppo, Sergio Marchionne, parlando da Francoforte dove oggi prende il via il Salone dell'auto abbia confermato i target sul perido 2011-2012.

In controtendenza rispetto al ritrovato ottimismo del mercato azionario si muove invece lo spread tra il Btp decennale e il Bund tedesco di pari scadenza. Lo spread si posiziona infatti a 387 punti base, contro i 382 punti di ieri, con un rialzo in termini percentuali dell'1,3 per cento. Lo spread si porta così a un passo dai massimi assoluti toccati a inizio agosto a 389 punti base.

COMMENTA LA NOTIZIA