I listini Us mantengono i moderati rialzi dell’apertura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli indici azionari statunitensi si muovono sui livelli che mostravano già nei primi minuti della seduta, con operatori che paiono in attesa delle dichiarazioni che rilascerà domani alle 16.00 il presidente della Fed, Alan Greenspan, davanti alla commissione economica congiunta del Congresso. L’unica scossa, peraltro subito rientrata, è venuta alle 16.30 quando alla comunicazione di un brusco calo delle scorte di greggio negli Usa ha risposto un’impennata del crude fino a 55 dollari e una caduta dei listini. Prosegue in positivo la giornata dei semiconduttori, con l’indice Sox in rialzo dello 0,90% grazie all’update di ieri di Texas Instruments, senza però rialzi estesi alla tecnologia nel complesso. Il Nasdaq segna infatti un +0,07% a 2068 punti. Lo S&P guadagna lo 0,25%, mentre il Dow Jones avanza dello 0,40% a 10524 punti, sorretto da un progresso del 5% dei titoli General Motors, dopo l’aumento della partecipazione del finanziere Kirk Kerkorian, salito al 7,2% del capitale della casa di Detroit.